Home Ardea Ardea, il Movimento 5 Stelle presenta programma e candidati

Ardea, il Movimento 5 Stelle presenta programma e candidati

CONDIVIDI
Presentata ad Ardea la composizione della lista dei candidati consiglieri del Movimento 5 Stelle per Mario Savarese Sindaco. Alle ore 16.30 presso  la Pineta dei Liberti è stato presentato il programma elettorale con le rispettive candidature del Movimento 5 Stelle per le prossime elezioni comunali in programma domenica 11 Giugno. Presenti anche l’On. Fabio Massimo Castaldo, On. Michele Mario Giarrusso, On. Elio Lannutti. Tanti i temi trattati, si è parlato della democrazia partecipata e dei condizionamenti mafiosi del territorio per poi entrare nel vivo con la presentazione dei candidati pentastellati. Nel finale applausi e commozione dopo l’intervento del candidato sindaco Mario Savarese.
 
CANDIDATO SIMDACO: Mario Savarese
LISTA DEI CANDIDATI CONSIGLIERI: Antonella Passaretta, Massimo Braga, Giovannella Riccobono, Paola Soldati, Bruna Mancini, Lucio Zito, Annamaria Tarantino, Fabio Nobili, Sandro Caratelli, Marcello Grillo, Enrico De Zanni, Felice Saccente, Roberta Virgili, Vincenzo Scotto, Michela De Luca, Debora Duranti, Beatrice Piras, Luca Costabile, Andrea Marranzini, Anna Vitale, Graziella Marracchioni, Giuseppe Castellano, Daniele Vitalone
 
PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE DEL MOVIMENTO 5 STELLE (VIDEO)

 IL PROGRAMMA ELETTORALE 

 «Abbiamo lavorato a questo programma con il contributo di tutti quei cittadini che hanno perso fiducia nei partiti tradizionali, che avvertono la necessità di cambiare questo territorio e principalmente coltivano il sogno di una città migliore, a misura dei suoi abitanti e della bellezze che la circondano.

Vogliamo soprattutto parlare di: PROGRAMMAZIONE; un percorso per raggiungere un obiettivo, quel sogno, tenendo conto delle risorse disponibili, delle condizioni che erediteremo, delle attività da intraprendere e dei tempi necessari per realizzarle.

Il nostro paese invecchia e si impoverisce rapidamente e non possiamo più pensare solo all’immediatezza delle cose, c’è bisogno di pensare al futuro, a come sarà Ardea tra 10, 20 anni e progettare oggi significa garantire ai nostri figli un domani. Dobbiamo risvegliare il senso civico e di appartenenza ad una comunità che ritroverà l’orgoglio della sua storia, della sua cultura e la riscoperta, della bellezza del suo territorio.

Il primo passo che faremo sarà quello di fare un AUDIT: una attenta verifica della situazione economica del comune, una fotografia della situazione di cassa, degli investimenti, dei debiti in bilancio e soprattutto fuori bilancio (triste consuetudine di questo comune), dei crediti e dei contratti od appalti in essere, che consentirà a tutti di comprendere da dove si parte ed a chi imputare eventuali responsabilità.

Ci faremo carico delle azioni necessarie per uno sviluppo sostenibile del nostro territorio partendo con la creazione di una task force il cui compito istituzionale sarà la progettualità per l’accesso a Fondi Economici regionali, nazionali od europei.

Contemporaneamente la nostra azione sarà volta a favorire l’ingresso di Ardea in una rete più ampia di soggetti operanti nel campo del turismo e dell’accoglienza in genere, sfruttando le sinergie esistenti ed implementandone di nuove, al fine di valorizzare il nostro patrimonio storico, archeologico, artistico e culturale, oltre che paesaggistico,
di assoluto rilievo; la tutela ambientale e la cooperazione con i comuni limitrofi animati dai nostri stessi interessi, tutto questo con l’obiettivo di rimettere in moto il volano della crescita.

Pensiamo all’ottimizzazione dell’offerta turistica per tutto il litorale laziale, dove i nostri nove chilometri di costa potrebbero rappresentare la punta di diamante. Pensiamo ad una ristrutturazione della rete dei trasporti tale da consentir, attraverso un accordo con i vicini, la miglior ridistribuzione dei chilometraggi tra un comune e l’altro, garantendo l’erogazione di un servizio più efficiente.

La nostra linea politica intende coniugare salvaguardia ambientale ed esigenze economiche con la piena consapevolezza della esauribilità delle risorse. Ad Ardea si registra una deprecabile carenza di tutti quei servizi che servono per renderla vivibile.

È necessario ridurre al più presto l’emigrazione della popolazione in età giovanile e produttiva, verso comuni più accoglienti e con servizi più efficienti.

È per questo che ci proponiamo di creare da subito un rapporto costruttivo di collaborazione e sinergia con tutte le forze sane del  paese: un confronto immediato con i rappresentanti di tutti i comitati di quartiere, al fine di raccogliere le voci ed i suggerimenti di ogni entità territoriale; un filo diretto con le associazioni per adeguare l’operatività
dell’amministrazione alle loro aspettative; tenteremo di dare il via ad una riunificazione delle varie pro-loco al fine di non disperdere in tanti rivoli tutte le occasioni che si produrranno per la promozione turistica della nostra città. 

Il recupero del senso comune di appartenenza potrà essere agevolato anche attraverso l’identificazione di una area che, opportunamente strutturata, possa rappresentare la zona dove verranno organizzati, a seconda del periodo, fiere, feste, mercatini, concerti e via dicendo: un’area che rappresenterà il cuore pulsante delle attività ricreative e commerciali di Ardea e non di questo o quel quartiere. 

Non si può pensare, ovviamente, di migliorare le condizioni di vita in un paese senza tener conto del suo controllo sanitario. Ci proponiamo pertanto di verificare le condizioni igieniche e sanitarie di tutte le strutture pubbliche a partire dalle scuole, che devono essere il posto migliore dove coltivare il nostro futuro e le nostre speranze. Cercheremo di riattivare le farmacie comunali; predisporremo un regolamento comunale per la localizzazione e l’esercizio di impianti per il trattamento dei rifiuti, biogas e biomasse; ci occuperemo dell’ottimizzazione della raccolta dei rifiuti cercando di ridurre progressivamente il conferimento in discarica e migliorando la raccolta della frazione umida per le attività commerciali; realizzeremo almeno due isole ecologiche. 

Tra i nostri progetti c’è la mappatura della rete fognaria e le analisi per il completamento della distribuzione dei servizi (acqua, fogne e gas) là dove mancano; l’efficientamento energetico degli edifici pubblici e la loro illuminazione, con una particolare attenzione ad un piano di manutenzione  preventiva attraverso la tele-gestione. Lo studio di un piano di messa in sicurezza delle strade e la stesura di un piano marciapiedi; il completamento di tratti stradali incompiuti e quello graduale della rete di illuminazione cittadina, la perimetrazione delle aree con insediamenti abusivi ed il loro recupero insieme alla realizzazione di una passeggiata lungomare, vanno a completare le opere pubbliche necessarie per restituire dignità ad una città ed orgoglio ai suoi abitanti.

Nessuno deve restare indietro è il nostro motto: la solidarietà ed il cittadino sono al centro della nostra politica e quindi riserveremo particolare impegno nel sostenere reali situazioni di bisogno, recuperando risorse da una maggiore efficienza e dalla eliminazione di sprechi e clientelismi, ricorrendo ove possibile alla valorizzazione del volontariato e delle associazioni che intendano contribuire alla utilità pubblica nel perseguimento dell’interesse collettivo.

Tutto quello di cui abbiamo finora parlato ha un unico comune denominatore: la ricostruzione di una comunità dove ogni singolo abitante sia al centro della scena e l’amministrazione comunale, nella sua prerogativa di Istituzione più vicina ai cittadini, è chiamata a svolgere un ruolo particolarmente attivo, lavorando in ogni direzione per garantire il ripristino del senso di appartenenza e della qualità della vita.

Riteniamo pertanto fondamentale, far si che la polizia locale torni ad essere specializzata in quelli che sono i suoi compiti istituzionali; l’implementazione dei sistemi di videosorveglianza; l’istituzione dei vigili di quartiere per garantire una maggiore sicurezza ai cittadini.

Ci ripromettiamo di promuovere al massimo lo sviluppo culturale ed, attraverso progetti ed eventi, l’attivazione di una biblioteca comunale e di un centro culturale polivalente.

Bene! tutto bello!, (speriamo) direte voi, ma chi ci garantisce che una volta eletti vi atterrete scrupolosamente a questi impegni programmatici?

Gli elementi concreti di novità che ci caratterizzano e ci differenziano dalle altre forze politiche, rispondiamo noi: Trasparenza, Legalità e Democrazia diretta.

Ad Ardea noi garantiremo strumenti che facilitino il controllo dei cittadini sull’azione amministrativa per riavvicinare la gente alla politica locale.

La Trasparenza sarà garantita da una profonda operazione di informatizzazione che offrirà ai cittadini la massima informazione ed aumenterà l’efficienza dei servizi offerti dagli uffici comunali.

La trasparenza sarà anche garantita dall’esclusione dalle nomine di chiunque sia indagato per reati di mafia, sia rinviato a giudizio od anche solo condannato in primo grado.

La Legalità, garantita dal fatto che nessuno dei nostri candidati ha mai riportato condanne penali né è sottoposto a procedimenti. Ci occuperemo, inoltre, della verifica della correttezza degli appalti in corso e per quelli futuri aboliremo il sistema del massimo ribasso dando invece spazio all’offerta economica vantaggiosa.

La Democrazie Diretta, infine, consentirà alla popolazione di partecipare attivamente alle decisioni che riguardano gli interessi pubblici grazie all’uso  di strumenti diretti di consultazione via internet. Sarà data la possibilità ai cittadini di fare domande durante lo svolgimento dei Consigli comunali. di eleggere rappresentanti dei giovani e degli stranieri, ai quali sarà consentito parlare e confrontarsi con gli organismi deliberativi. Ultimo aspetto, ma importantissimo, con l’istituzione del Bilancio partecipativo i cittadini avranno l’opportunità di gestire una quota di bilancio, stabilendo collegialmente le finalità a cui destinarla. Questo è il nostro progetto, l’immagine che vorremmo ricostruire del nostro paese, perché noi vogliamo restituire la bellezza al territorio ed il territorio ai Cittadini».

CONDIVIDI