Home News Cronaca Circo Nero, è ancora polemica tra cittadini e amministrazione: stavolta nel mirino...

Circo Nero, è ancora polemica tra cittadini e amministrazione: stavolta nel mirino i “numeri”

CONDIVIDI

Circo Nero sì, Circo Nero no: a una manciata di ore dall’inizio dell’evento più discusso dell’estate pometina, sono ancora tanti i dubbi e le paure da parte dei cittadini.
E’ di poche devine di minuti fa la lettera inviata dal CdQ Torvaianica Centro all’Amministrazione comunale, alla Polizia Locale, Al Prefetto di Roma, ai Vigili del Fuoco e alla Asl di competenza, che riportiamo integralmente.

“Il Comitato di quartiere di Torvaianica Centro, nelle persone dei Delegati e in virtù dell’imminente realizzarsi dello spettacolo denominato “Circo Nero”, programmato dall’Amministrazione del Comune di Pomezia tra gli eventi dell’Estate, per il giorno 12 agosto 2017, ore 19,00 – 02,00, in piazzale Kennedy, espone quanto segue.
Lo spettacolo “Circo Nero” è notoriamente conosciuto e di rilevanza nazionale, quindi il bacino dei possibili partecipanti coinvolge buona parte dei Comuni a Sud della Città Metropolitana di Roma Capitale, che complessivamente conta oltre 4.000.000 di residenti. Si pensi che solo Pomezia ha circa 70.000 residenti che d’estate quasi raddoppiano.
A tal proposito si evidenzia come gli organizzatori dello spettacolo hanno stimato un’affluenza minore di 5mila persone (come esplicitamente indicato dalle autorità comunali attraverso canali ufficiali di informazione), quindi vogliate verificare, ciascuno per le proprie competenze anche in seno alla Commissione di Vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, il metodo utilizzato per la stima e la congruità della stessa, in quanto la variazione del numero delle presenze comporterebbe un passaggio della competenza dalla Commissione Comunale a quella Provinciale, nonché l’applicazione di norme tecniche sulla sicurezza, l’igiene, l’impatto ambientale, acustico, più stringenti.
Vogliate, altresì monitorizzare e verificare puntualmente il numero delle presenze nel corso dello spettacolo ed adottare tutte le misure tecniche idonee ed adeguate ad una maggiore affluenza di persone.
Tanto si doveva, ottimo lavoro”

Nel frattempo, i residenti si dividono in due fronti: da una parte i curiosi e gli entusiasti, dall’altra coloro che vedono solo i lati negativi. “Ci hanno praticamente ingabbiati – lamentano alcuni abitanti delle palazzine a ridosso di piazzale Kennedy – non possiamo prendere la macchina, chi l’ha fatto adesso non sa dove parcheggiare. Stanotte non si dormirà, ma il timore è relativo alle troppe presenze in così poco spazio: abbiamo paura di atti vandalici o peggio”.
“Per una volta che si fa un evento in grande, si vanno a trovare tutti i ‘difetti’ – sostiene invece un ragazzo – Io sono contente che ci sia un motivo per far venire a Torvaianica i miei amici, vantandomi di qualcosa invece di vergognarmi per quello che non c’è”.

CONDIVIDI