Home Cultura Guardia di Finanza, arriva la Riforma per i Reparti territoriali

Guardia di Finanza, arriva la Riforma per i Reparti territoriali

Proprio in queste ore è arrivata la nuova riforma per i reparti territoriali della Guardia di Finanza, che garantirà una maggiore presenza delle Fiamme Gialle in tutto il territorio nazionale.

Lo svolgimento delle missioni ruoterà intorno alla polizia economico-finanziaria per la tutela del bilancio pubblico, dell’Unione Europea, delle Regioni o degli Enti Locali. 

Tale revisione del corpo fa fede anche una strada intrapresa nel 2018 e che ha interessato i Reparti Speciali della Guardia di Finanza, che sono stati resi più snelli e operativi per collaborare con i corpi dell’Authority (Autorità Nazionale Anticorruzione, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Autorità Garante per la Privacy, Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente e Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni).

Su scala nazionale sono stati rivisitati i Reparti specializzati nell’Anti Terrorismo – Pronto Impiego (i Baschi Verdi), che si occuperanno di contrasto ai traffici illeciti e mantenimento della sicurezza e l’ordine pubblico. Inoltre verranno istituite nuove Stazioni del SAGF (Soccorso Alpino della Guardia di Finanza), che si occuperà del controllo di territori alpestri, soccorsi in alta quota, luoghi impervi o colpiti da calamità naturali. 

Con i nuovi aumenti dei corsi d’addestramento presso l’Accademia di Bergamo e la Scuola Ispettori e Sovrintendenti dell’Aquila, prossimamente saranno assegnati a tutti i Reparti nuovi giovani Ufficiali e Ispettori laureati: questi saranno poi chiamati a frequentare specifici corsi per elevare il loro livello di preparazione tecnico-professionale, presso le scuole di post-formazione e alta specializzazione (Scuola P.E.F. del Lido di Ostia, Scuola Alpina di Predazzo, Scuola Nautica di Gaeta e di Addestramento Specialistico di Orvieto). 

Tutti i reparti continueranno la stretta collaborazione con i Nuclei di Polizia Economico Finanziaria, istituiti in ogni provincia del nostro Paese e retti da Ufficiali superiori.

L’intervento quindi è molto evidente, poiché non si limita solamente alla qualità della presenza dei Reparti su tutto il territorio nazionale, ma bensì alla crescita del livello di responsabilità grazie all’affidamento di tutte le unità operative a militari con competenza qualificata

Tale Riforma prende vita nell’anno in cui il corpo della Guardia di Finanza compie 138 anni, giungendo dopo l’istituzione della polizia economico-finanziaria avvenuta con il Decreto Legislativo 19 marzo 2001 n. 68: il provvedimento risponde all’esigenza di adeguare la struttura ordinativa delle Fiamme Gialle alle sempre maggiori richieste d’intervento dettate dall’attuale contesto socio-economico.