Home Regione Lazio “VIAGGIO NEL LAZIO AL LAVORO” ARRIVA AD ARDEA

“VIAGGIO NEL LAZIO AL LAVORO” ARRIVA AD ARDEA

“Il Lazio è ricco di aziende eccellenti che meritano di essere sostenute, promosse e valorizzate. Per questo l’assessorato al Lavoro e Formazione è impegnato a favorire lo sviluppo delle imprese che investono in ricerca e innovazione, creando occupazione di qualità”. Lo ha dichiarato l’assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Mariella Zezza  durante la visita alla NSA – Nuclear Specialists Associated – di Ardea, nell’ambito del progetto “Viaggio nel Lazio al Lavoro”. Nel corso della visita al centro di radiofarmacia ed analisi diagnostica oncologica l’assessore Zezza si è congratulata con l’azienda, alla quale domani sarà conferito il premio ‘’OK Italia – Piccoli imprenditori crescono’, promosso da Unicredit, come eccellenza in Italia. “In questa struttura – ha spiegato l’assessore – uno dei punti di forza è la presenza di giovani qualificati, selezionati direttamente tra gli studenti della Scuola Periti Chimici di Pomezia, ai quali viene data la possibilità di lavorare subito. I 18 dipendenti sono, infatti, di età compresa tra i 21 ed i 30 anni e sono stati impiegati, oltre che nelle normali funzioni di sintesi farmacologica, anche in
un lavoro di rete, creando sinergie per valorizzare le risorse del territorio aprendo alle opportunità offerte dai mercati esteri”.

“I dati che arrivano dal distretto chimico-farmaceutico – ha concluso Mariella Zezza – sono positivi. Il polo farmaceutico del Lazio, dopo aver chiuso il 2010 con un tasso di crescita record del 33%, ha mantenuto un andamento positivo anche nel primo trimestre di quest’anno, registrando un aumento di oltre il 5%.  Un risultato importante, trainato dalle esportazioni che nel 2010 hanno fatto registrare un giro d’affari di  4,2 miliardi di euro, impiegando 15 mila lavoratori del settore, ai quali vanno aggiunti i 5 mila posti di lavoro dell’indotto. Sono queste le realtà virtuose che intendiamo sostenere ed incentivare, anche per la loro capacità ci conciliare competenze, innovazione, rispetto per l’ambiente e buona occupazione”.