Home Ambiente Velletri, consiglio straordinario: No unanime alla discarica Ecoparco. I proprietari del terreno...

Velletri, consiglio straordinario: No unanime alla discarica Ecoparco. I proprietari del terreno non sapevano nulla del progetto

Questa mattina nell’aula consiliare del comune di Velletri, si è svolto un consiglio comunale straordinario per discutere del progetto presentato in Regione dalla EcoParco Srl, riguardante una mega discarica di servizio. Come spesso accade nelle aule della politica, difficilmente si hanno posizioni nette e allineate sugli argomenti trattati. Invece oggi si è assistito sia da parte della maggioranza che dell’opposizione seppur con sfumature differenti, ad un deciso No al progetto. Il documento presentato che si oppone alla discarica è stato votato all’unanimità. Inoltre in aula é stata presentata una lettera dei proprietari del terreno, indirizzata alla Ecoparco Srl, che colpo di scena non erano assolutamente al corrente dell’intenzione dei loro affittuari (Ecoparco Srl), di realizzare una discarica sulla loro proprietà.
Di seguito la lettera:
“L’APL proprietaria di un terreno sito in località Lazzaria Velletri, dove sorge una cava di Pozzalana, da alcune notizie apparse sugli organi di stampa, nei giorni scorsi e da successive indagini svolte da APL, sembra che nei primi giorni di ottobre del corrente mese, la Ecoparco Srl sulla base di un asserito rapporto contrattuale con l’APL, avrebbe presentato alla Regione Lazio, una richiesta per autorizzare una discarica di servizio nella Cava. Poiché allo stato, non vi è alcun accordo tra APL e la Ecop di qualsivoglia natura avente oggetto la Cava e né la APL ha alcuna conoscenza del progetto, nè ha alcun modo acconsentito alla realizzazione dello stesso nella Cava. Vi invitiamo a desistere da spendere il nome della APL, di asserire di aver o potere ottenere la disponibilità della Cava per il progetto e/o di associare la APL e/o alla Cava stessa al Progetto stesso. Vi informiamo che in difetto di quanto richiesto la APL si riserva di ricorrere alla autorità giudiziarie e amministrativa in ogni competente sede per la tutela dei propri diritti.”