Home Ambiente Velletri, diniego assoluto del Sindaco Pocci sulla nuova richiesta di Ecoparco per...

Velletri, diniego assoluto del Sindaco Pocci sulla nuova richiesta di Ecoparco per la mega discarica

Non è tardata ad arrivare la risposta del sindaco di Velletri Orlando Pocci, in merito alla nuova richiesta di autorizzazione presentata in Regione i primi di ottobre, dalla società Ecoparco Srl, riguardante una discarica di servizio in località Lazzaria s.p. Campoleone – Cisterna di Latina (Velletri) di una superficie totale di circa 1.200.000mc.

Di seguito la nota che ci ha rilasciato il sindaco Pocci:

«Nessuna discarica a Velletri!»
Il sindaco Orlando Pocci nettamente contrario al progetto Ecoparco
«Nessuna discarica sarà realizzata a Velletri!» È questo il perentorio commento del sindaco Orlando Pocci subito dopo aver ricevuto la nuova istanza presentata dalla società privata Ecoparco per realizzare una discarica nell’area situata nella zona Sud di Velletri.
«La posizione dell’amministrazione comunale di Velletri – dichiara Pocci – ė nota da tempo, eravamo e siamo contrari al progetto Ecoparco, lo abbiamo contrastato la prima volta ottenendo il diniego della procedura autorizzativa da parte della Regione. Faremo altrettanto e con maggiore convinzione anche questa volta, gli uffici sono già al lavoro per presentare le osservazione e per chiedere un nuovo diniego».
Nel 2014 ci fu, infatti una richiesta analoga contrastata nettamente dalla comunità di Velletri per evitare che un mega impianto di trattamento dei rifiuti, peraltro di vecchia concezione, venisse realizzato nell’area della cava di pozzolana situata nella zona Sud di Velletri nei pressi della provinciale Cisterna-Campoleone.
«Siamo contrari nel merito – conclude il Sindaco – e nel metodo, non è questa la soluzione per completare il ciclo dei rifiuti, non servono mega impianti ma buone pratiche come quelle che mettiamo in campo a Velletri con una raccolta differenziata virtuosa. Il nostro territorio non diventerà la pattumiera di chi non sta rispettando le regole».