Connettiti con noi

Ambiente

Venezia a ‘numero chiuso’, ingressi contingentati e contributo d’accesso: ecco da quando e quanto costa

Pubblicato

il

Quello del turismo di massa è un fenomeno che spaventa molto chi vive in città secolari come Roma o Venezia. Difatti il sistema dei trasporti o della viabilità viene sovraccaricato e questo causa non pochi disagi ai residenti. Inoltre, spesso e volentieri, l’ecosistema viene messo inevitabilmente a rischio. Per questi motivi si è pensato a una soluzione definita “drastica”: l’accesso a Venezia sarà a “numero chiuso” dal 2022, ma cosa vuol dire esattamente?

Venezia a “numero chiuso”

A partire dal 2022, a Venezia, nei punti a maggior rischio affollamento verrà istituito il “sistema dei tornelli”, necessario per verificare e controllare il flusso dei turisti. Inoltre, i turisti, dovranno “pagare un biglietto” per visitare la città. I costi giornalieri saranno i seguenti:

  • Costo ordinario 6 euro;
  • Giornate con scarso afflusso (bollino verde) 3 euro;
  • Giornate con criticità di afflusso (bollino rosso) 8 euro;
  • Giornate con eccezionale criticità di afflusso (bollino nero) 10 euro.

I costi non saranno necessariamente giornalieri, ma anche settimanali e andranno dai 9 ai 30 euro. Il “contributo d’accesso” potrà essere versato congiuntamente all’acquisto del biglietto per il trasporto pubblico. Infine, chi verrà sorpreso a Venezia senza aver pagato il contributo d’accesso, rischierà una multa che va dai 50 ai 300 euro. Tuttavia, non tutti devono pagare il “contributo d’accesso”. Difatti pendolari , residenti e altre categorie in via di definizione saranno esonerati dal versamento.


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it