Home Comunicati stampa Associazione Difesa Consumatori, TIM lancia un servizio per scoprire i falsi operatori...

Associazione Difesa Consumatori, TIM lancia un servizio per scoprire i falsi operatori di call center

TIM ha lanciato un nuovo servizio contro i falsi operatori Call Center che cercano di raggirare gli utenti proponendo loro tariffe a prezzi vantaggiosi – ma, ahimè, inesistenti – da non farsi in alcun modo scappare.

Per permettere ai propri clienti di riconoscere ed eventualmente sventare un qualsiasi tentativo di truffa in atto, TIM ha pensato ad un particolare servizio reso disponibile online, sul suo sito ufficiale, che consente di verificare il codice dell’operatore del Call Center, in modo tale da controllare se si tratti o meno di un agente autorizzato partner dell’operatore.

Ogni operatore è infatti tenuto a comunicare il proprio codice identificativo a sei cifre ad inizio chiamata, e nel caso in cui ciò non dovesse avvenire allora l’utente ha tutto il diritto nel richiederlo per poi verificarne l’autenticità sul sito TIM.

Oltre ad aver lanciato il nuovo servizio per verificare se l’operatore che ci ha contattati è autorizzato a vendere offerte TIM, l’operatore blu ha anche fornito alcuni pratici consigli per riconoscere un tentativo di truffa telefonica.

Anzitutto, i falsi operatori Call Center si riconoscono perché propongono di attivare una nuova linea telefonica per risparmiare sulla bolletta mensile; forniscono delle false informazioni su TIM (dicono, ad esempio, che l’operatore non esiste più e invitano il cliente a cambiare gestore); o ancora, chiedono il codice di migrazione senza una reale motivazione.

Il trucco più semplice per sventare una truffa telefonica è riconoscere il personale TIM: gli operatori autorizzati contattano i clienti dal 187, in alternativa utilizzano un numero in chiaro e comunicano sempre il loro codice partner. Ad ogni modo, sarebbe opportuno verificare la validità del codice sull’apposita pagina messa a disposizione di TIM e, nel caso in cui il codice non dovesse essere riconosciuto, segnalare il problema contattando il 187 o inviando una mail a TIMaltuofianco@telecomitalia.it“.

Così dichiara in una nota l’Associazione Difesa Consumatori.