Home Comunicati stampa LETTERA APERTA DEL PDL AL SINDACO DE FUSCO

LETTERA APERTA DEL PDL AL SINDACO DE FUSCO

Un politico deve saper quando è il momento di fermarsi, per il bene della Città.\n\nCaro Sindaco De Fusco, in questo momento delicatissimo della vita politica pometina il Popolo della Libertà si sente in dovere di darti un consiglio: non accanirti nel cercare di andare avanti, nonostante tutto.\n\nQuanto è successo nel Consiglio Comunale del 25 u.s., con Sinistra e Libertà che ha ribadito la sua collocazione all’opposizione, e con il fatto nuovo dell’UDC in cui hanno fatto ingresso due consiglieri precedentemente in maggioranza, ha determinato uno schieramento politico in tuo sostegno di 13 consiglieri con un’opposizione formata da 17: qualsiasi altra analisi è superflua.\n\nNel 2006 lo schieramento che ti sosteneva ha vinto con un progetto politico e un programma: oggi di tutto questo è rimasto ben poco, il fallimento è certificato dalla fuoriuscita da quello schieramento vincente di consiglieri e partiti che, in alcuni casi anche rimanendo a sinistra, non possono e non vogliono più sostenere la tua amministrazione.\n\nUn ulteriore dato è certo: il Popolo della Libertà, a tutti i livelli, non accetterà mai alcuna soluzione “istituzionale”, di compromesso o macchiata da ambiguità; la strada che porta al ritorno della fiducia nei partiti passa per comportamenti chiari e scelte di campo nette, a Pomezia così come in qualsiasi altra parte d’Italia.\n\nSino a oggi la mancanza di coordinamento tra i consiglieri provenienti dai partiti che hanno costituito il Popolo della Libertà è stata un fatto fisiologico, di cui hai potuto avvantaggiarti, ma non è ripetibile, sappilo.\n\nOggi il centrodestra di Pomezia si prepara al prossimo confronto elettorale scrivendo un progetto politico e amministrativo credibile, e tutti quelli che vogliono farne parte sono quindi chiamati, da subito, a scelte e comportamenti chiare e netti: è l’etica della politica che lo richiede.\n\nSindaco De Fusco, se il pragmatismo e il realismo che ti riconosciamo non dovessero prevalere, e fossi indotto da oscure logiche a scelte che andrebbero a danneggiare ulteriormente la Città e la credibilità della sua classe politica, il Popolo della Libertà inizierà immediatamente la raccolta delle dimissioni dai suoi consiglieri comunali, certi di arrivare in breve tempo alle 16 firme necessarie per chiudere il sipario su questa amministrazione; un’amministrazione che sarebbe così ricordata soprattutto con la tua immagine, l’immagine di uomo attaccato pervicacemente al potere, aldilà delle logiche della politica e del buon senso.\n\nFiduciosi in una tua scelta saggia e dignitosa, facciamo i nostri migliori auguri all’uomo Enrico De Fusco, con cui avremo sempre un confronto politico aperto e chiaro, da posizioni diverse e ugualmente rispettabili.\n\nPomezia, 28 giugno 2010\n\nIl Coordinatore Comunale\n\nRodolfo Serafini