Home Comunicati stampa Ostia Antica, appoggio del Comitato Promotore per far diventare il Parco Archeologico...

Ostia Antica, appoggio del Comitato Promotore per far diventare il Parco Archeologico sito Unesco

Si mobilitano le associazioni per il riconoscimento come sito UNESCO del Parco Archeologico di Ostia Antica, che valorizzerebbe realmente un territorio dai beni artistici/storici inestimabili e che incrementerebbe ulteriormente il bacino del turismo sul territorio del X Municipio di Roma Capitale.

Da anni si cerca di valorizzare turisticamente l’immenso patrimonio artistico del Parco Archeologico, già tra i più importanti siti dell’Antica Roma in Italia e nel panorama internazionale. Un sito che dovrebbe essere maggiormente promosso dal territorio del X Municipio e Roma Capitale, che spesso hanno mostrato in questi anni di pubblicizzarlo inadeguatamente. 

Sul riconoscimento come sito UNESCO del Parco Archeologico si è espresso anche il Comitato promotore per un sistema Archeo-Ambientale integrato Fiumicino Ostia“, che ha commentato con entusiasmo la possibilità: “Nell’aprile del 2014 il Consiglio del X Municipio emette due memorie: la prima esprime sostegno alla istituzione del nostro Comitato per la creazione del Parco Archeologico Fiumicino Ostia Antica, la seconda per la riattivazione della procedura di inserimento del sito archeologico di Ostia Antica nel patrimonio Unesco“.

Prosegue: “Il “Comitato promotore per un sistema Archeo-Ambientale integrato Fiumicino Ostia” apprende con piacere che l’argomento è stato ripreso e discusso nel “Consiglio Straordinario del X Municipio di Roma del 4 luglio 2019″ e tempestivamente sostenuto dal Comune di Fiumicino come da comunicato stampa del 5 luglio”.

Conclude il Comitato: “L’interesse dimostrato dal X Municipio di Roma e dal Comune di Fiumicino, e il coinvolgimento del Comune di Roma, della Regione Lazio, del Ministero dei Beni culturali, e dell’Ente Parco archeologico, ci fa ben sperare nel proseguo di questo importante percorso per il riconoscimento del nostro tesoro come Patrimonio dell’Umanità“.