Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

Il Kazakistan è il maggior beneficiario del divieto di mining del bitcoin in Cina

Pubblicato

il

bitcoin

L’inasprimento del divieto di Bitcoin da parte della Cina ha avuto molti impatti secondari sul mercato globale. Non solo ha influito sulla capacità dei cittadini cinesi di estrarre e scambiare criptovalute, ma ha anche influito sulla loro capacità di farlo.

La Cina ha imposto un divieto all’estrazione di Bitcoin e altri paesi stanno ora tentando di sostituire la Cina come potenza mineraria globale.

Cosa è successo in Cina

La Cina è l’ex leader globale del mining di criptovalute. Le società di mining di criptovalute sono state costrette a chiudere o trasferirsi in altri paesi. Alcuni rapporti indicano la diminuzione del mining di criptovalute dal 75,5 al 46 percento, con i risultati della diminuzione che segnano un’opportunità significativa per altri paesi di riportare a casa le piattaforme di mining di criptovalute che non sono più autorizzate a operare in Cina.

Gli Stati Uniti sono stati il ​​principale beneficiario degli sforzi di trasferimento del mining di criptovalute della Cina, con un certo numero di grandi società di mining di criptovalute come Huobi Mall e BTC.TOP che hanno annunciato che avrebbero spostato le loro piattaforme di mining all’estero. BTC.TOP ha annunciato in quel momento che avrebbero spostato le piattaforme negli Stati Uniti.

“La Cina alla fine perderà la sua potenza di calcolo delle criptovalute nei confronti dei paesi stranieri”.

Gli Stati Uniti sono sempre stati la scelta preferita per le società di mining di criptovalute cinesi, ma il Kazakistan è ora il terzo nella produzione globale di criptovalute. Presto sarà secondo, poiché la produzione di criptovalute in Cina diminuisce.

Bitcoin e le altre criptovalute non si fermano, nonostante tutto, per chi volesse approfittarne e investire potrebbe usare piattaforme affidabili come BitIQ. Per sapere BitIQ come funziona e molto di più, si possono leggere le informazioni dal sito ufficiale.

Chi ne sta approfittando

Il Kazakistan ha legalizzato l’estrazione di criptovalute nel giugno 2018. Ciò è stato fatto per diversificare l’economia del paese e far crescere il settore delle criptovalute. Ha anche una delle tasse più basse in qualsiasi paese che consente il mining di criptovalute.

Molte società cinesi di mining di criptovalute hanno scelto il Kazakistan per spostare la propria attività, credendo che il paese crescerà e diventerà un importante hub per le criptovalute. BIT Mining Ltd, una società di mining di criptovalute, ha investito nel futuro del Kazakistan, trasferendo finora 320 macchine e pianificando di trasferire altri 2.600 pezzi.

Canaan, una società di mining di criptovalute, crede nel mining di criptovalute in Kazakistan. È uno dei più grandi produttori di hardware di mining ASIC Bitcoin. Canaan ha aperto un centro post-vendita in outsourcing in Kazakistan e prevede di sfruttare i bassi prezzi dell’energia e le normative cripto-friendly in Kazakistan.

Con il supporto degli investitori per questa mossa, le società di mining di criptovalute sembrano aver trovato rifugio in Kazakistan.

La Cina si oppone al mining, in quanto è contro Bitcoin in generale e vuole la propria valuta digitale, lo yuan digitale. Esperti economici intelligenti come Nassim Taleb credono che governi come la Cina porteranno Bitcoin a zero.

L’idea che le banche centrali (come la Fed) stiano piantando un chiodo nella bara di Bitcoin sta iniziando a circolare tra alcuni investitori di criptovalute, specialmente dopo che Jerome Powell ha affermato la scorsa settimana che un “dollaro digitale è una priorità assoluta” per la Fed. Powell ha anche definito le criptovalute “non utili riserve di valore”.

Ci sono altre strutture che che stanno vedendo create in Texas, negli Stati Uniti, per fare il mining di Bitcoin. Investitori provati si stanno organizzando per estrarre Bitcoin in grande quantità.


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it