Home News Cronaca Latina. Prima palpeggiano un 84enne, poi lo spintonano a terra e lo...

Latina. Prima palpeggiano un 84enne, poi lo spintonano a terra e lo derubano: arrestate due giovani rom

Nel corso del servizio di prevenzione e controllo del territorio questa mattina la squadra volante ha tratto in arresto due ragazze nomadi,  R.B del 2001 e C.S. del 1998 entrambe, in concorso tra loro, si sono rese responsabili del reato di rapina impropria , nei confronti di un anziano  cittadino  straniero del 1936 che si trova  in Italia senza fissa dimora. 

I fatti

Nella prima mattinata odierna su disposizione della Sala Operativa  una volante si portava nei pressi della Stazione Ferroviaria di Latina per la segnalazione di un uomo anziano in difficoltà.  Giunti sul posto i poliziotti  raccoglievano la testimonianza di un  cittadino bosniaco del 1936, che raccontava  di essere  stato derubato da due giovani presumibilmente di etnia rom. L’84enne ha detto di essere stato avvicinato da due giovani donne di etnia rom, che dopo averlo adescato con futili motivi,  lo portavano nel parcheggio retrostante la stazione ferroviaria. Qui le donne iniziavano a palpeggiarlo in varie parti del corpo riuscendo a sottrargli  circa Euro 400,00 che lo stesso teneva nella tasca del suo giubbotto. L’uomo accortosi di quanto accaduto tentava di bloccare le due giovani che dopo averlo strattonato lo facevano cadere in terra e  si allontanavano velocemente. Immediata scattava la ricerca delle due che poco dopo venivano rintracciate  e bloccate. Le due venivano riconosciute dall’anziano e anche da un testimone che aveva assistito alla scena.   Dopo una attenta perquisizione addosso alle donne veniva trovata parte della refurtiva, circa  di 175,00 euro in contanti, denaro successivamente sottoposto a sequestro penale.    Alla luce degli accertamenti e dei riscontri oggettivi emersi a carico delle straniere, le stesse venivano tratte in arresto per rapina. Dell’arresto veniva data notizia al P.M. di turno che disponeva di associare le due donne presso la casa Circondariale di Rebibbia Femminile di Roma per la successiva convalida dell’arresto.