Connettiti con noi

Cronaca

Strage a Cisterna, il carabiniere uccide le figlie e si toglie la vita

Pubblicato

il

E’ finita nel peggiore dei modi: Luigi Capasso, il carabiniere 43enne che prestava servizio a Velletri, stamattina all’alba ha sparato alla moglie e rientrando, in casa ha esploso altri 4 colpi di pistola uccidendo le sue due bambine Martina e Alessia, di 7 e 13 anni.

Secondo la testimonianza di alcuni vicini di casa, dopo i 5 colpi esplosi nel garage se ne sarebbero sentiti altri 4; ma tutti continuavano a sperare che le due bambine fossero ancora vive.

Dopo 9 ore di angoscia, intorno alle 13, l’uomo si è affacciato dal balcone della sua abitazione e, dopo essersi fatto vedere dai colleghi e dai mediatori che provavano a convincerlo a non commettere altri gesti folli, è rientrato in casa e si è tolto la vita.

Adesso, dopo un’ora e mezza dall’ultimo contatto con il 44enne, i Carabinieri hanno deciso di fare irruzione nell’appartamento, trovandosi di fronte alla terribile e tragica scena dei corpi senza vita delle due bimbe e dell’uomo.

A dare la notizia della morte delle bambine e dell’appuntato è stato il Colonnello Vitagliano.

Adesso sono in corso tutti gli accertamenti del caso.

L’ipotesi più accreditata è che l’uomo, dopo aver sparato alla moglie e aver preso dalla sua borsa le chiavi di casa, sia salito nell’appartamento al secondo piano e, dopo essere entrato, abbia ucciso praticamente subito le due figlie Alessia e Martina.

Lui, invece, si sarebbe sparato intorno alle ore 13.

Le condizioni della moglie Antonietta, ricoverata al policlinico San Camillo di Roma, rimangono ancora gravissime, anche se la donna sembra essere vigile.


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it