Connettiti con noi

Life style

Come e quando l’Europa ha scoperto i vini americani?

Pubblicato

il

vini americani

La storia dei vini americani è una sintesi della storia degli Stati Uniti e dell’American way of life. Ondate di colonizzazione, proibizionismo e guerre, frutto di un lungo lavoro imprenditoriale legato anche a generazioni di immigrati. E c’è voluto molto tempo perché i vini americani diventassero popolari soprattutto in Europa, dove si è abituati a tradizioni enologiche millenarie.

L’evento che cambiò davvero le cose ebbe luogo il 24 maggio 1976 e passò alla storia con il nome di “Giudizio di Parigi“. Prima di allora, l’idea generalmente accettata era che i vini francesi fossero i migliori del mondo. Sebbene alcune cantine all’avanguardia di altri Paesi si fossero distinte a livello locale, la comunità vinicola era concorde nel ritenere che questi vini, pur essendo di valore locale, non potessero competere con i migliori vini francesi.

Steven Spurrier, un noto commerciante di vini francesi con sede a Londra, ebbe un’idea diversa. Organizzò un concorso enologico in cui gli Chardonnay californiani furono messi a confronto con gli Chardonnay della Borgogna, mentre i grandi Bordeaux furono confrontati con i Cabernet americani. Un team di esperti francesi valutò alla cieca i vini americani rispetto a quelli francesi. Quando furono annunciati i risultati, gli esperti non potevano credere alle loro orecchie. Con grande sorpresa, lo Chardonnay di Chateau Montelena e il Cabernet Sauvignon di Stag’s Leap Wine Cellars, entrambi della Napa Valley, avevano vinto nelle loro categorie!

La sentenza di Parigi ebbe un enorme impatto sul mondo del vino e il suo effetto continua a farsi sentire ancora oggi; molte delle aziende californiane che dominarono la degustazione, come le due vincitrici, Ridge Vineyards, Heitz Cellars e Mayacamas, continuano a produrre vini di classe mondiale e di altissima qualità.

Oggi, sono passati quasi 50 anni da quel giorno e gli Stati Uniti sono diventati il quarto Paese produttore di vino, dopo Italia, Francia e Spagna, e sono la patria di alcuni dei migliori Cabernet, Pinot Nero, Merlot e Chardonnay del mondo. Nonostante l’enorme domanda del mercato interno, una buona percentuale dei migliori vini americani viene esportata.

E i palati europei si stanno aprendo sempre di più ai vini americani, soprattutto a quelli californiani. Da circa vent’anni, le esportazioni di vino americano sono cresciute costantemente e i Paesi dell’Unione Europea costituiscono uno dei loro maggiori mercati di esportazione.

Infatti, sebbene i vini americani non abbiano la stessa storia e le stesse tradizioni di quelli del vecchio mondo, sono comunque affascinanti da studiare… e, ancor più, da degustare!

vigneti

LA CALIFORNIA, PROTAGONISTA

Negli Stati Uniti, i vini di qualità sono prodotti in California, Oregon, Washington e, in misura minore, in Texas, Virginia e nello stato di New York.

Tra tutti questi Stati, il più importante è senza dubbio la California, che rappresenta circa il 90% della produzione vinicola americana ed è il maggior esportatore di vini verso l’UE.

Infatti, i vini californiani sono oggi uno dei riferimenti irrinunciabili per gli amanti del vino europei. All’interno dello Stato, che comprende 139 aree vinicole americane (AVA), le regioni vinicole più famose sono la Napa Valley e la Sonoma County, dove è nata la moderna industria vinicola degli Stati Uniti e dove si producono i migliori Cabernet Sauvignon e Pinot Nero americani. La Napa Valley è anche il luogo in cui Robert Mondavi, il personaggio più significativo nella storia della viticoltura americana, insieme al Barone Rothschild, ha creato l’Opus One, un sorprendente taglio bordolese considerato uno dei migliori e più prestigiosi rossi americani.

Tuttavia, le condizioni climatiche tendono a cambiare da una zona all’altra e la grande varietà di microclimi all’interno dello Stato crea una vasta gamma di vini. Mentre le zone di Monterrey e Santa Barbara si concentrano su Chardonnay e Pinot Nero, la parte meridionale della costa centrale è invece particolarmente adatta alle varietà borgognone verso il mare e alle varietà bordolesi o del Rodano nell’entroterra. Mendocino, che ha un clima irregolare e più freddo, produce soprattutto vini rossi a base di Zinfandel.

Una delle caratteristiche dei vini californiani più apprezzate dagli europei è che sono ricchi e corposi, con un carattere morbido e spesso aromatico. In generale, i vini californiani rispecchiano in tutto e per tutto la terra che li produce: solari, avvolgenti, potenti e preziosi. Molto spesso giocano sulla giovinezza del frutto con un’esplosione di aromi che li rende molto invitanti. L’affinamento in barrique è molto diffuso e aggiunge ai vini un accattivante aroma di cocco.

Il Cabernet Sauvignon (i cui vini sono noti agli appassionati semplicemente come Napa Cabs) è il vero protagonista della Napa Valley e il vino statunitense più popolare sul mercato europeo, che produce vini grandi e audaci con seducenti aromi di frutti scuri, come quelli delle cantine Sequoia Grove e Dry Creek.

Lo Chardonnay è coltivato in tutto lo Stato e ha svolto un ruolo fondamentale nella popolarità dei vini californiani. Infatti, alcuni degli Chardonnay più famosi al mondo provengono da qui e in Europa lo Chardonnay in stile californiano identifica chiaramente un tipo specifico di vino legnoso, morbido, cremoso, con note di vaniglia e di grande morbidezza al palato. Alcuni dei migliori Chardonnay della California sono prodotti nella zona a clima freddo di Carneros, come quelli di Rombauer Vineyards o Shafer Red Shoulder Ranch.

Il Pinot Nero, coltivato in gran parte nella contea di Sonoma, Monterey e Santa Barbara, rimane ancora un punto di riferimento nel panorama vinicolo californiano. Questa antica uva, normalmente piuttosto difficile da coltivare, ha trovato il microclima perfetto in queste zone, dove le nebbie mattutine provenienti dall’Oceano Pacifico mitigano le roventi giornate estive, consentendo un lento processo di maturazione. I vini da Pinot Nero della California sono fruttati ed eccezionalmente setosi con una buona struttura, come quelli della tenuta Duckhorn nella Russian River Valley.

Lo Zinfandel, vitigno storico dell’America, rimane una delle uve più apprezzate in Europa, grazie al suo corpo potente e alle sue note fruttate e morbide. L’uva continua a prosperare in alcuni dei vigneti più antichi del Paese, molti dei quali hanno più di 100 anni, producendo vini di grande robustezza che si abbinano perfettamente alle carni rosse, come il vino Bogle Old Vine.

Nonostante la cattiva pubblicità del Merlot nel famoso film Sideways, l’uva è ancora molto apprezzata dagli amanti del vino sia in Europa che nel Regno Unito, dove è molto amata per la sua succosità fruttata e la sua personalità affascinante. Le cantine Mayacamas e Buccella producono vini Merlot eccezionali e degni di essere invecchiati.

Le condizioni climatiche favorevoli e variegate consentono di coltivare con successo anche il Malbec, il Cabernet Franc e il Petit Verdot, spesso utilizzati nei vini da taglio bordolesi, ma anche il Sauvignon Blanc e il Syrah.

vino

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy