Connettiti con noi

Life style

Funerale e cremazione

Pubblicato

il

Funerale e cremazione

Non è piacevole pensare ad un funerale, ma è un servizio indispensabile al giorno d’oggi che quando capita di doversene occupare, si devono fare le scelte migliori, adatte al nostro portafoglio e alle volontà del defunto.

Negli ultimi anni c’è stato un forte aumento delle richieste per la cremazione perché sono note quali sono i problemi dei cimiteri, i costi per l’acquisto dei luoghi di sepoltura e perfino quali sono i problemi che si hanno negli anni.

Tra l’altro il Funerale e cremazione, paragonandolo a quello tradizionale, compreso naturalmente l’acquisto del luogo tombale, costa molto di meno. Il problema per gli utenti è che non sempre c’è chiarezza da parte di alcune agenzie funebri, come mai? Perché essi parlano di fare un funerale, ma senza nascondere poi quello che riguarda tutti gli altri costi aggiuntivi, che sono di contorno.

Tuttavia se poi si effettua un paragone con il servizio totale tra funerali e servizi aggiunti, ecco che allora la situazione cambia, tanto che alla fine il funerale completo di cremazione rimane la scelta meno costosa. Dunque perché non preferirlo? Tra l’altro eviterete di scontrarvi direttamente con i problemi che ci sono all’interno dei cimiteri, dove, specialmente nelle città, mancano addirittura i luoghi di sepoltura.

Cremazione utile nell’immediato

Nell’immediato il funerale che viene poi completato con la cremazione, ci porta ad avere dei benefici economici, nel senso che si ha a che fare con una situazione che permette di risparmiare. Per esempio non ci sono dei costi per il luogo di sepoltura e con le spese connesse.

Per fare una lista vediamo che il coniuge o chi si occupa di organizzare il funerale, non deve provvedere all’acquisto di un luogo tombale a terra oppure con un loculo e non ci sono nemmeno le spese di inumazione o tumulazione. Pensate che di media, solo per questo tipo di servizio, dove si deve pagare interamente il Comune, quindi non sono delle spese per l’agenzia funebre, si spendono dalle 1.200 euro a salire. Invece preferendo una cremazione si hanno immediatamente le spese di cremazione, cioè di 500 euro (di media), ma le ceneri possono essere poi disperse all’interno di giardini della memoria.

Dunque già subito si ha un risparmio. In alcuni cimiteri poi c’è il problema di avere a che fare con una impossibilità di acquisto dei luoghi di sepoltura perché comunque ci sono dei problemi per quanto riguarda la non disponibilità dei posti. La cremazione rimane quindi una soluzione ideale.

Cremazione dopo esumazione ed estumulazione

Trascorsi degli anni, almeno 10, ci si ritrova a doversi nuovamente occupare del problema che c’è per quanto riguarda il proprio defunto. Il Comune ha un programma ciclico dove si devono liberare direttamente i luoghi cimiteriali.

Le spese per la gestione della salma e di tutto quello che riguarda il recupero della bara, ricadono poi addosso al coniuge o ai parenti diretti. A questo punto si potrebbe decidere o di acquistare un’altra tomba oppure fare la cremazione. Quest’ultima è la prassi consigliata direttamente da tanti Comuni e di conseguenza, alla fine dei conti, quello che non è stato effettuato durante il funerale, sarà obbligatorio in seguito.

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy