Connettiti con noi

Life style

Winamp sta facendo NFT ora, e il suo fondatore lo odia

La blockchain arriva per tutti noi

Pubblicato

il

criptovalute

Winamp metterà all’asta la skin originale del lettore multimediale come NFT unico su OpenSea, con offerte che inizieranno il 16 maggio e dureranno fino al 22 maggio. Poi, a partire dal 23 maggio, intende vendere altre 20 opere d’arte, tutte duplicate circa 100 volte per creare 1997 NFT in totale (in riferimento all’anno di lancio del programma). Ognuno di essi costerà 0,08 ETH, pari a circa 225 dollari al tasso di conversione attuale, quindi se tutti gli NFT del 1997 venissero venduti il totale sarebbe di quasi 450.000 dollari.

I 20 disegni saranno derivati dalla skin originale di Winamp e scelti tra quelli inviati dal pubblico

“Inviateci i vostri derivati”, si legge sul sito web di Winamp. “Il nostro team di scienziati di Winamp esaminerà ogni criptoArt che gli perverrà e 20 derivati saranno selezionati per essere venduti come NFT di Winamp”.

Se un’opera non viene selezionata, i termini e le condizioni del concorso concedono comunque a Winamp “una licenza mondiale, non esclusiva ed esente da royalty per l’uso, la copia e l’esposizione dell’arte”.

Se l’opera viene selezionata, l’artista rinuncia a tutti i diritti sulla propria opera e cede irrevocabilmente il copyright a Winamp. Inoltre, se l’artista potrà pubblicare l’opera sui social media, dovrà aggiungere un avviso che dichiari che il copyright e tutti i diritti appartengono a Winamp.

A dire il vero, l’iniziativa è stata pensata per una buona causa. L’iniziativa Winamp NFT è a sostegno della Winamp Foundation, che finanzia enti di beneficenza come Music Fund, che aiutano i musicisti. (Sebbene Music Fund sia l’unico ente di beneficenza attualmente supportato dalla fondazione, un portavoce di Winamp ha dichiarato a Mashable che è aperto a discutere con qualsiasi altro ente di beneficenza incentrato sulla musica che si rivolga a lei).

Tuttavia, è possibile sostenere la beneficenza senza ricorrere alla tecnologia blockchain, ampiamente detestata. Visita questo sito web per saperne di più.

Inoltre, sembra che la beneficenza provenga dagli artisti, piuttosto che da Winamp stesso. Mentre l’80% del ricavato delle vendite iniziali di questi NFT andrà alla Winamp Foundation, solo il 20% sarà versato agli artisti – circa 45 dollari per NFT. Al momento della rivendita, l’80% andrà al rivenditore, il 10% a Winamp e il 10% all’artista.

Winamp è stato il lettore multimediale preferito da milioni di millennial agli albori di Internet

“La Winamp NFT Initiative è la prima operazione che porterà fondi a sostegno di progetti di beneficenza attraverso la Winamp Foundation”, ha dichiarato un portavoce di Winamp a Mashable. “Ci saranno altre operazioni creative per raccogliere fondi e non si tratterà solo di NFT. La nostra missione è sostenere la musica e i musicisti e siamo orgogliosi di aiutarli attraverso questa iniziativa”. La Winamp NFT Initiative è un’operazione creativa e innovativa che, oltre a sostenere la musica e i musicisti, darà agli artisti visivi l’opportunità di condividere le loro arti, di ottenere riconoscimenti e di guadagnare…”.

“[Winamp] ha sempre guardato al futuro e non al passato, abbracciamo l’innovazione…. Ci rendiamo conto che alcuni dei nostri utenti potrebbero rimanere sorpresi, ma siamo certi che la nuova piattaforma piacerà loro”.

Lanciato nel 1997, Winamp è stato il lettore multimediale preferito da milioni di millennial agli albori di Internet. Il programma era famoso per le sue skin personalizzabili: gli utenti potevano scegliere tra migliaia di opzioni create dalla comunità per adattarsi all’estetica del proprio desktop.

Tra coloro che odiano l’ultima mossa di Winamp c’è Justin Frankel, uno dei creatori originali del lettore multimediale.

“Ho passato gli ultimi anni a concedere ai proprietari di Winamp il beneficio del dubbio”, ha twittato Frankel in risposta all’annuncio. “Ora non più. Siete terribili”.

Sul suo sito web, Frankel ha espresso una “forte disapprovazione per molteplici ragioni”.

“L’impatto ambientale è terribile, e inoltre si tratta di un ecosistema a somma negativa, quindi tutto ciò che incoraggia più persone ad acquistarlo in modo che le persone che lo hanno precedentemente acquistato (o estratto) possano incassare è una cosa negativa”, ha scritto. “Per essere chiari, la skin stessa non viene messa all’asta, ma un URL che punta alla skin. Se non sbaglio è stata realizzata dai [co-creatori di Winamp] Tom [Pepper] e Dmitry [Boldyrev]”.

Fino a questa settimana, Winamp ispirava ancora sentimenti di nostalgia a molti. Purtroppo, il disprezzo generale per le NFT sembra averne inaridito il ricordo.

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy