Connettiti con noi

Life style

Zanzare e vespe

Pubblicato

il

Zanzare e vespe

L’estate è il momento più pericoloso per la quantità di insetti velenosi che proliferano per la bella stagione. Tra queste ritroviamo le Zanzare e vespe che poi si avvicinano alle abitazioni e che tendono ad attaccare sia le persone che gli animali, domestici e non.

Per riuscire a proteggersi è necessario che si svolgano delle “disinfestazioni” preventive, ma il problema è che non sempre si conosce quali sono i pericoli dati da questi insetti. Conosciamoli meglio per difenderci.

Le conseguenze dei morsi delle zanzare

Le zanzare in estate diventano degli insettini onnipresenti che non lasciano dormire, ma che attaccano perfino durante il giorno. Oltre al fastidio dobbiamo fare una classificazione delle zanzare che sono poi molto aggressive e particolarmente velenose. Le zanzare tigri si sono adattate ottimamente al clima ed è per questo che esse non danno pace né di giorno e né di notte, ma il loro veleno porta ad avere delle serie conseguenze. Ci sono utenti che nascono con una forte allergia al veleno, ma quello che si sta scoprendo ultimamente è che se veniamo punti fino a 8 volte al giorno, per 5 giorni consecutivi, si ha un avvelenamento del sangue.

La conseguenza è quella di avere dei gonfiori che si diffondono sulle labbra, sugli occhi, viso, mani, gambe, con il problema di avere poi degli intorpidimenti. I morsi poi diventano sempre più dolorosi perché il sistema immunitario non è in grado di resistergli.

Diciamo che quindi le situazioni possono rapidamente degenerare. Ad essere attaccati siamo tutti, bambini, adulti, anziani e perfino gli animali domestici. I cani poi sono quelli che rischiano di soffrire maggiormente dei loro morsi avendo dei piccoli bozzi e prendendo la leishmaniosi.

Occorre prevenire la comparsa di questi animali infestanti. Ci sono dei metodi che permettono di vivere un’estate tranquilla e serena.

Vespe: rischi e pericoli

Le vespe sono diverse dalle api. La prima differenza è fisica, le vespe sono gialle e hanno un corpo a punta, velenose e attaccano senza motivi apparenti. Le api hanno un corpo tondo e una colorazione ambrata, sempre a strisce. Sono molto più docili rispetto alle vespe. Infatti esse attaccano solo quando si attacca il loro alveare oppure per difendersi, ma non pungono senza un valido motivo.

Purtroppo le vespe hanno la tendenza a creare dei nidi che sono di grandi dimensioni non appena trovano un habitatospitale, che di solito è vicino alle case, all’interno di infissi in legno, tettoie, pensiline e altri luoghi che sono riparati.

Il problema è che poi, in base a quale sia il clima, esse possono essere più aggressive. Infatti quando c’è la pioggia oppure arriva in estate, attaccano senza pensarci due volte. Il motivo è quello di percepire l’esterno come una minaccia. A farne le conseguenze sono poi persone e animali.

Sono territoriali e, nonostante si distruggano dei nidi, essi tendono a riformarli e questo propone un pericolo costante. Il veleno che posseggono è simile a quelle delle vipere, in minore quantità, ma è in grado di creare degli shock anafilattici, problemi o affanni cardiaci e blocco della respirazione.

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy