Connettiti con noi

Ambiente

Roma, Castel di Guido: l’affascinante storia del rudere Casale della Bottaccia

Pubblicato

il

Casale della Bottaccia, volontari dell'associazione

Roma,  Municipio XIII. Gli Indiana Jones dell’Associazione Cornelia Antiqua: Tatiana Concas, Mirko Antonucci e Damiano  Filipponi, capitanati dal Presidente Cristian Nicoletta sono, anche oggi , entrati all’interno dei ruderi del Casale della Bottaccia . È  loro Reportage Fotografico: “Cartoline dall’inferno-Castel di Guido- Il Degrado e abbandono del Sito Archeologico  del Casale della Bottaccia.

Casale della Bottaccia: un passato antico

In Italia esistono luoghi, seppur carichi di storia per i Borghi dove sorgono, lasciati purtroppo nel degrado e nella più completa rovina. Il Casale della Bottaccia di Castel di Guido non è una “pietra dispersa” e senza storia , ma è sicuramente un edificio, porzione di edificio, dal passato antico che per qualche ragione sconosciuta non gode dei “diritti” di recupero e restauro come di altri luoghi simili esistenti a Roma . Il Casale  è forse condannato a una fine ignobile, soffocata dai suoi stessi calcinacci?

Il racconto di un abbandono

Il Casale della Bottaccia è, risulta, in stato di abbandono già dal 1964, come documentato da una foto in possesso della soprintendenza dei BB.CC.. In questa foto si vede anche la presenza di alcuni infissi e dei tetti oggi tutti crollati e del fienile, costruito nel 1700, di cui oggi rimane solo la parte basamentale..

Nel 1992 i tetti sono mancanti in alcune parti del fabbricato come si vede dalla foto in “Elisabetta Carnabuci, Antiche Strade – Lazio- Via Aurelia, I.P.Z.S., Roma 1992”. In questa stessa foto si nota anche come a quel tempo le aperture non fossero ancora state murate e la tettoia all’ingresso fosse ancora in piedi. Nello stesso volume si afferma che la proprietà sembra essere ancora della famiglia Pamphilj.

Nel 2018 Dopo tantissimi appelli — anche d’Italia Nostra —  e numerose promesse di politici in cerca di voti, il Sito Archeologico Casale della Bottaccia era  ancora in stato di abbandono, di degrado e regno incontrastato della prostituzione.

Un po’ di storia del Casale

Intorno alla metà del 1600, per la grande opera di Carità dell’abate Ottavio Sacco da Reggio Calabria (morto nel 1660) e per la benevolenza del Principe Camillo Pamphilj, che aveva acquistato nel 1641 la tenuta dal Card. Alessandro Peretti detto anche Cardinal Montalto, fu edificata la cappella annessa al Casale della Bottaccia.

La Cappella fu dedicata a Sant’ Antonio Abate, che , da subito, diventa anche un “piccolo ospedale” per il primo soccorso degli ammalati. Si racconta che nei pressi della Cappella di Sant’Antonio era sempre pronto un carro, con cavalli attaccati, per raccogliere gli ammalati nella Campagna Romana.

Gli ammalati o infortunati più gravi venivano inviati all’Ospedale Santo Spirito di Roma.Una Cappella simile a quella del Casale della Bottaccia fu edificata , ancora esistente e visibile, a fianco del Casale Pamphilj sito nel Borgo di Testa di Lepre di Sotto in via dell’Arrone.

L’ospedale Settecentesco 

Nei primi del ‘700 fu realizzato, probabilmente nel corpo a sud con  grandi saloni ai piani superiori, un piccolo ospedale per il primo soccorso: Eschinardi infatti scrive: “. . omissis . . e parte del Principe Pamphilj di rub. 281 con la seguente detta della Bottaccia di rub. 333 dove si trova sempre pronta una sua carrozza per condurre a Roma gli ammalati della campagna.” ed anche il Metalli: “Il Principe Pamphili vi istituì un piccolo ospedale ed un’ambulanza per il trasporto dei malati poveri a Roma.”

Tale notizia da quanto riportato sul sito del X Dipartimento sarebbe desunta anche dai registri parrocchiali di Castel di Guido: “ . . .omissis . , l’oste assumeva un ruolo delicato: nel contratto di affitto dei locali aveva anche l’obbligo di accogliere i malati e portarli al vicino ospedale. Il Casale della Bottaccia fungeva non solo per la zona di Castel di Guido ma per tutto l’Agro Romano da ospedale.

E due volte a settimana i malati più gravi si trasferivano all’Ospedale di Roma.” Questo riferimento del XVIII secolo conferma anche l’utilizzo di parte del casale come osteria, ribadito anche nella “Rubrica delle tenute e dei casali della carta Cingolana”.

Quest’ultima destinazione d’uso probabilmente rimane fino al secolo scorso poiché se ne trovano ancora le tracce nel Casale, e l’ipotesi è sostenuta anche da Luigi Cherubini:” Le vecchie osterie della Campagna si danno da fare: per non restare tristemente abbandonate e inutilizzate, anche se hanno una storia, com’è successo alla “Bottaccia” di Castel di Guido e al Casale dei Francesi di Ciampino…(Omissis) per non morire” (Catasto Alessandrino 433bis/19 19 Ottobre 1661 “Sviluppo della strada che da Porta S. Pancrazio passa per Pisana e arriva a Maccarese” agrimensore Legendre Domenico; Isa Belli Barsali e M. G. Branchetti, “Ville della Campagna Romana”, ed. SISAR, Milano 1975, pag. 249-250).

Foto dell’associazione Cornelia Antiqua

Franco Leggeri 

Casale della Bottaccia

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy