Home Anzio Anzio, i cittadini protestano in tv contro l’eccessiva presenza di migranti sul...

Anzio, i cittadini protestano in tv contro l’eccessiva presenza di migranti sul territorio

Ieri sera la troupe televisiva di Rete 4 con il programma “Dalla vostra parte“ andato in onda dalle 20.30 si è collegata con Anzio per parlare di uno scottante tema: l’immigrazione. 

Le polemiche: “Basta migranti, ci sono italiani che non arrivano a fine mese”

Anche i migranti ospitati ad Anzio lamentano più di una difficoltà

Durante il collegamento, effettuato all’interno del locale Alceste Cafè, molti cittadini e alcuni esponenti politici, contrariati dell’eccessiva presenza di migranti nel  territorio, hanno rilasciato alcune dichiarazioni in tv. Tra i contestatori, primo a prendere la parola, Pierluigi Campomizzi, coordinatore regionale del movimento Noi con Salvini. “Dovrebbero arrivare circa 80 persone ad Anzio, è di oggi la notizia di altrettanti nuovi migranti a Nettuno. Questi stranieri girano per la città e stanno nei villini a fronte di italiani che non arrivano a fine mese” – ha dichiarato Campomizzi – Quando eravamo immigrati, noi  italiani lavoravamo duramente, al contrario di questi che sembrano non abbiano voglia di far nulla”. “Dove sono i rifugiati che fuggono dalle guerre? Questi tutto ci sembrano tranne che provati da conflitti. Sembra siano pronti per le olimpiadi” – aggiunge Mario Eufemi di Casapound – I nostri avi combattevano, non lasciavano le famiglie a casa in mezzo alla guerra per cercare fortuna altrove”. Soltanto pochi giorni fa, comunque, il Sindaco di Anzio Luciano Bruschini aveva rassicurato i cittadini in merito all’eventualità d’apertura di nuovi centri d’accoglienza in città: “Non sono previsti ulteriori insediamenti”, erano state le sue parole.

GUARDA QUI IL VIDEO DELLA PUNTATA: http://www.video.mediaset.it/video/dallavostraparte/clip/ansie-ad-anzio_688329.html

Migranti e centri d’accoglienza: ieri i sopralluoghi a Nettuno e Ardea

Soltanto ieri avevamo dato notizia di due sopralluoghi effettuati dalla Prefettura sul territorio laziale, per verificare l’idoneità in particolare di due siti, uno a Nettuno ed un altro ad Ardea, per l’apertura di nuovi centri d’accoglienza per i migranti. Anche in questo caso non sono mancate le polemiche sebbene si sia trattato soltanto di verifiche preliminari (per quanto riguarda Ardea, ad esempio, è arrivata poi la definitiva smentita nel pomeriggio).