Home Anzio Anzio e Nettuno portano le scarpe rosse. Scarpe anche per Giuseppe Cardoselli...

Anzio e Nettuno portano le scarpe rosse. Scarpe anche per Giuseppe Cardoselli ucciso dalla sua ex compagna

Le città di Anzio e Nettuno, hanno risposto compatte all’iniziativa lanciata da tre croniste del Litorale Natascia e Romina Malizia e Linda Di Benedetto per il 25 novembre Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne. L’evento è stato organizzato per sensibilizzare sui tanti casi di violenza che si registrano, in forte aumento sul territorio e che spesso in questi ultimi mesi sono finiti sulla stampa nazionale. Da questa mattina le tre croniste, hanno iniziato a consegnare le scarpe rosse che hanno dipinto personalmente, ai commercianti, ai comuni delle due città, sotto i monumenti simbolo, agli Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno, in alcune scuole, al comando della polizia locale, alla stazione dei carabinieri di Anzio e nei punti turistici.
Un gesto accolto con entusiasmo dai cittadini che nella giornata di ieri, hanno preparato i loro quartieri contro la violenza di ogni genere. Anzio centro, Anzio Colonia, Quartiere Marconi, Lavinio Mare e Lavinio Stazione e Quartiere Europa e dall’associazione AmistadeLab, che ha partecipato portando scarpette rosse. Il comune di Nettuno con l’interessamento dell’assessore alle politiche sociali Maddalena Noce, ha dato il suo contributo alla giornata installando 10 pannelli con la poesia di William Shakespeare:

“Per tutte le violenze consumate su di Lei,
per tutte le umiliazioni che ha subito,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per l’ignoranza in cui l’avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete tappato,
per le ali che le avete tagliato,
per tutto questo:
in piedi, Signori, davanti a una Donna.”

Non è mancata una scarpa Blu sfumata di rosso in ricordo dell’avv. Giuseppe Cardoselli, ucciso qualche settimana fa dalla sua ex compagna, perché la violenza non ha genere.