Home Anzio Coronavirus nel Lazio, il focolaio al San Raffaele si espande, la situazione....

Coronavirus nel Lazio, il focolaio al San Raffaele si espande, la situazione. I dati Comune per Comune

COMUNICATO STAMPA DEL PARTITO COMUNISTA (PC) DEI CASTELLI ROMANI. CORONAVIRUS 10 GIUGNO 2020, AI CASTELLI ROMANI E LITORANEA ZERO NUOVI CASI E UN NUOVO GUARITO. SALGONO A 70 I NUOVI CASI NELLA CLINICA PRIVATA SAN RAFFAELE ALLA PISANA

Nella ASL RM6, che comprende i Castelli Romani e la Litoranea, il 10 giugno si registrano zero nuovi casi e un nuovo guarito. Il numero complessivo dei guariti è salito a 769 (+1), il numero delle persone attualmente positive è sceso a 480 (-1), mentre il numero dei decessi è rimasto stabile a 135 casi.

Rispetto al picco la curva dei nuovi contagi è scesa del 99%.

Coronavirus nel Lazio: preoccupa il focolaio al San Raffaele

Si espande anche oggi il pericoloso focolaio riferibile alla clinica privata San Raffaele alla Pisana con altri 13 casi, portando il numero complessivo dei nuovi casi a 68. Oggi il focolaio riferibile alla clinica privata San Raffaele ha infettato 5 persone a Roma e 8 persone a Rieti.

Ma non finisce qui.

Questa sera sono stati comunicati altri due i casi al Policlinico Umberto I riferibili al focolaio del San Raffaele Pisana che arriva così ad un totale di 70 casi. Si tratta di un infermiere collegato per un link familiare al focolaio e un paziente risultato anch’esso positivo. Si stanno eseguendo i tamponi su tutti gli operatori e i pazienti del reparto di malattie infettive del Policlinico Umberto I.

Coronavirus nel Lazio: la situazione Comune per Comune

Nella tabella seguente viene riportata la ripartizione dei contagi per singolo comune dei Castelli Romani e della Litoranea sulla base delle comunicazioni ufficiali delle autorità competenti.

Oggi è guarita una persona a Nettuno.

Gravissimo è il ritardo con cui la ASL RM6 comunica ai Sindaci le informazioni sulla diffusione del coronavirus nei Castelli Romani e Litoranea: ad oggi devono ancora essere comunicati 337 casi, di cui 47 decessi.

Cosa c’è da nascondere? Chi si vuole difendere? Per caso il sistema fallimentare delle case di riposo, delle RSA e delle case di cura private?

A causa di questo ritardo, per 10 comuni (Albano, Anzio, Castel Gandolfo, Ciampino, Genzano, Grottaferrata, Lanuvio, Montecompatri, Nemi, Rocca di Papa) il numero dei casi pubblicati dal SERESMI (il Servizio Regionale per la Sorveglianza delle Malattie Infettive) è superiore al numero di casi comunicati dai Sindaci.

Per visualizzare la cartina per comune sulla diffusione del coronavirus nel Lazio, puoi fare click sul seguente link:

https://drive.google.com/open?id=1sI_jgUiLG9xh7GKQp5-W-_NV9tS7Z2Ne&usp=sharing