Home Anzio Federico Fashion Style sfida l’Amministrazione: ‘La gente viene ad Anzio per Il...

Federico Fashion Style sfida l’Amministrazione: ‘La gente viene ad Anzio per Il Salone delle Meraviglie o per le grotte di Nerone? Sindaco rispondimi!’

sondaggio Federico fashion style Anzio

Conoscete Anzio per “Il Salone delle Meraviglie” o per le grotte di Nerone? E’ questa la domanda posta da Federico Fashion Style al popolo del web sul suo profilo Instagram. La domanda, a dirla tutta, suona un po’ come una frecciatina nei confronti dell’Amministrazione di Anzio, che ha spesso criticato il noto parrucchiere dei Vip. Federico, infatti, ha specificato chiaramente nelle sue “stories” che la domanda in questione è rivolta principalmente al Sindaco di Anzio, Candido De Angelis.

Il sondaggio

«Sto per fare le riprese (della nuova stagione del Salone delle Meraviglie), ma prima vi voglio fare vedere una cosa – racconta Federico mentre esce dal suo salone – Dicono che ad Anzio vengono tutti quanti perché ci sono le grotte di Nerone. Questo vorrei dire all’Amministrazione: guardate un po’! Questi sono tutti i fan che sono venuti per il Salone delle Meraviglie!». Federico gira la fotocamera del suo smartphone ed inquadra una folla di persone in delirio davanti al salone. Poi prosegue: «Vorrei chiedere al Sindaco e a tutta l’Amministrazione: ma tutta questa gente, compresa Valeria Marini che è qui esclusivamente per il Salone delle Meraviglie, sarebbe venuta ad Anzio perché ci sono le grotte di Nerone? Lo voglio sapere, vi prego! Sindaco rispondimi, ti prego!».

Le risposte

Al momento non è ancora giunta alcuna risposta da parte del Sindaco De Angelis, ne’ dall’Amministrazione comunale di Anzio. Nel frattempo però il popolo del web non si è fatto attendere. Il sondaggio di Federico Fashion Style ha raccolto migliaia di click, così suddivisi: l’88% dei votanti ha scelto “Il Salone delle Meraviglie”, mentre solamente il 12% ha votato per le grotte di Nerone.

Leggi anche: Federico Fashion Style: ‘Adesso basta calunnie su di me: io porto lustro ad Anzio, non fango’