Home Aprilia Aprilia, APL contro il degrado delle strade della città (FOTO)

Aprilia, APL contro il degrado delle strade della città (FOTO)

Di seguito riportiamo il comunicato stampa diffuso da ‘Aprilia in prima linea’ riguardante la situazione delle strade della città.

“Sono lontani i tempi della campagna elettorale, dove i cantieri sbucavano come funghi e l’asfalto (sempre di pessima qualità) sgorgava a profusione. Ora “passato il Santo passata la festa”, e ci ritroviamo con strade simili a quelle di città bombardate. Ormai la situazione è pressoché identica tra centro e periferia, il sistema viario cittadino è completamente saltato e con esso qualsiasi “standard di sicurezza” soprattutto per chi circola su due ruote.

Aumentano vertiginosamente le richieste di risarcimento per danni a pneumatici o rotture dovute alle voragini presenti, e tutto graverà ancora di più sulle casse pubbliche facendo salire ancora di più i costi di contenzioso e spese legali. E pensare che mentre prima era solo la vecchia Asam ad occuparsi del rattoppo delle buche ora, con la genialata della privatizzazione, sono quattro le aziende che si occupano dello stesso lavoro.

Poi si argomentava che vi era necessità di utilizzare metodi di lavoro più moderni, e invece vediamo ancora oggi utilizzare i sacchetti di asfalto a freddo quando piove, per di più livellato alla meno peggio con la pala. Pensate che ciò abbia apportato benefici e risparmi? No, nemmeno per idea anzi. Ma questa è un’altra storia e ne avremo modo di parlarne in futuro.

Torniamo alla situazione attuale, la qualità di quelle che un tempo erano strade (ora è troppo ottimistico definirle tali), è frutto dell’incapacità manifesta di garantire ai cittadini dei servizi degni di questo nome. Ed è per questo che eleggiamo un Sindaco se non andiamo errati, gestire e garantire servizi di pubblica utilità. E non ci si venga a raccontare la favoletta del “non ci sono soldi” poiché quando si vuole i soldi si trovano, e caso strano questa volontà esce fuori quando i soldi li si fanno volare con disinvoltura dalla finestra. Basti pensare al caso  recente riguardante il costo del noleggio dei mezzi della Progetto Ambiente, e parliamo di milioni di euro.

Lo stato di calamità in cui versa Aprilia è frutto di un pericolosissimo mix di scelte politiche fallimentari e di interessi ormai palesi. Nel delirio privatizzatore di questa maggioranza, si è creato un mostro che ha partorito strade senza alcuna sicurezza, dove si aprono crateri ad ogni pioggia e contemporaneamente una pubblica illuminazione scadente quando non del tutto assente soprattutto in periferia. Non c’è che dire, una bella miscela. Buche profonde come fosse anticarro e strade poco illuminate, per la gioia di gommisti e meccanici e per le potentissime maledizioni di centauri e automobilisti. Altra conseguenza di questo sfacelo sono i tombini rialzati rispetto a quella che un tempo era la sede stradale, veri e propri killer squarcia pneumatici. Anche il pietrisco è presente in modo massiccio per le strade, insieme alle “breccole” di asfalto saltato a formare una schiera di proiettili pronti all’innesco ogni volta che un’auto passa.

Tutto questo ricordiamocelo bene, non è colpa del “Generale Inverno” ma della mala amministrazione. Qualsiasi maggioranza che non riesce a fornire ai cittadini servizi decenti a costi sostenibili in altre parti d’Italia viene penalizzata. Aprilia è in controtendenza. Ma ci chiediamo quanto possiamo ancora tollerare tutto questo. E soprattutto, se lo stato acclarato di elevata pericolosità delle strade non sia un motivo per chiedere l’intervento di Autorità superiori. Dove sono i Comitati? Le richieste di class action e le mobilitazioni dei professionisti del settore? A già, quando a sgovernare sono gli amici queste cose non si fanno. Buon viaggio a tutti!”