Home Ardea Ardea, commissione sui consorzi: l’opposizione diserta la prima seduta, salta l’elezione di...

Ardea, commissione sui consorzi: l’opposizione diserta la prima seduta, salta l’elezione di Presidente e vice

Parte col piede sbagliato la commissione “ad hoc” per far luce sulla vicenda dei consorzi ad Ardea. Ieri era in programma la prima seduta ufficiale, convocata dal Presidente del Consiglio Comunale, utile a designare i componenti ed i ruoli della commissione con conseguente elezione di Presidente e vice. 

Gli incarichi erano già stati concordati: come quello del Presidente, con la scelta ricaduta sulla consigliera di maggioranza  Giovannella Riccobono, che vive peraltro nel consorzio di Colle Romito (aspetto quest’ultimo che aveva creato qualche schermaglia tra maggioranza e opposizione nel corso dell’ultimo consiglio comunale).

La seduta saltata ha provocato, come era prevedibile, diverse reazioni: a gridare allo scandalo è ad esempio l’ex candidata a sindaco Monica Fasoli che ha tuonato contro i consiglieri di opposizione, i quali, seppur invitati, non si sono presentati ad eccezione di Raffaella Neocliti e Franco Marcucci (gli altri assenti “giustificati” sono Edelvais Ludovici e Virgili che non fanno parte della commissione essendo capigruppo, ndr).

Da capire ora la motivazione dietro la mancata partecipazione. Diverse le ipotesi: potrebbe essere stata una presa di posizione contro la decisione di eleggere un esponente della maggioranza come Presidente, la Riccobono per l’appunto, oppure, come sostiene ancora la Fasoli, un comportamento volto ad ostacolare la commissione stessa. 

I compiti della commissione sui consorzi

La decisione di procedere con la creazione di una commissione sulle strutture consortili era stata varata nell’ultimo consiglio comunale andato in scena venerdì 28 giugno. La commissione, lo ricordiamo, è pubblica; viene definita “speciale” solo per l’oggetto, una tematica ben definita, poiché per il resto è da considerarsi alla stregua delle altri commissioni consiliari.

Il tema di studio oggetto, non appena verranno eletti i vertici alla prossima convocazione utile della seduta (al netto di nuove “assenze”) sarà scelto di volta in volta e non è esclusa la convocazione di tutti quei soggetti che, in modo più o meno diretto, hanno un qualche tipo di interesse nella vicenda.