Home Ardea Tor San Lorenzo, ancora furti: «Cittadini iscrivetevi al controllo del vicinato»

Tor San Lorenzo, ancora furti: «Cittadini iscrivetevi al controllo del vicinato»

IL CDQ LANCIA UN APPELLO AI RESIDENTI DI NUOVA CALIFORNIA E TOR SAN LORENZO

controllo vicinato tor san lorenzo

Se non ci pensa il Comune dobbiamo fare da noi. Una filosofia, o una necessità, con la quale i cittadini di Ardea stanno prendendo sempre più confidenza. Lo abbiamo visto con le buche, ora ci si organizza anche per contrastare i furti. Il controllo del vicinato non è certo una novità ma ora c’è chi spinge per un incremento ancora maggiore nelle adesioni al progetto. 

Si tratta del Presidente del CdQ Nuova California Piero D’Angeli che invita i suoi concittadini ad iscriversi all’iniziativa. «Visto l’incremento di furti in abitazioni e di autovetture che si stanno susseguendo nel nostro quartiere, ormai da diverse settimane, invito tutti i cittadini che risiedono a Tor San Lorenzo e Nuova California ad iscriversi al controllo di vicinato».

Un invito mascherato da estrema necessità di vigilare su un territorio preda di degrado e criminalità. Soltanto ieri l’ultimo di una lunga serie di furti: una donna residente in Via Tanaro si è ritrovata faccia a faccia con un ladro in casa. «E’ l’unico modo per cercare di fare rete tra di noi. Per cercare di iniziare a collaborare attivamente tra noi cittadini per ridurre il degrado che è intorno a noi che facilita il proliferare di atti illegali», dichiara allora D’Angeli.

Chi vuole può informarsi presso la sede del comitato di quartiere sita in Via Delle Meduse 3 tutti i giorni dalle 16.40 alle 18.30 e il sabato dalle 10 alle 12.30. «Il Controllo di Vicinato è un progetto per “persone”, un’attività della gente. Non può e non deve essere soggetto ad alcuna strumentalizzazione politica. Il progetto è nato per unire le comunità nella prevenzione della microcriminalità, non per dividerle», ammonisce ancora D’Angeli. 

«Il ruolo che dovrebbero avere le amministrazioni comunali è molto chiaro: dovrebbero sostenere e incentivare i gruppi di vicinato, favorendone la costituzione, mettendo a disposizione spazi per gli incontri formativo-informativi, incoraggiando il dialogo tra cittadini e Forze dell’Ordine. Il ruolo delle associazioni: diffondere l’informazione sul progetto, fornire percorsi formativi a chi vi aderisce».