Home Civitavecchia e Santa Marinella News Filma il ladro con il telefonino, lui se ne accorge e glielo...

Filma il ladro con il telefonino, lui se ne accorge e glielo strappa di mano: 30enne nigeriano bloccato (a forza) dai Carabinieri

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio volti alla prevenzione e repressione dei reati predatori i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato un nigeriano 30enne con precedenti, per i reati di Rapina, Lesioni personali,  Resistenza a Pubblico Ufficiale e Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I fatti

In particolare, nel pomeriggio di ieri, un giovane del luogo, animato da profondo senso civico e da prendere come esempio, si trovava nei pressi di questa via Mariani, quando notava che un individuo stava armeggiando vicino a una bicicletta e più precisamente che stava tentando di tagliare il lucchetto con delle grosse tronchesi. A quel punto decideva di richiedere l’intervento dei Carabinieri telefonando al 112 e nella circostanza spiegava esattamente quanto stava accadendo e permetteva all’Operatore della Centrale Operativa di indirizzare con precisione l’intervento della pattuglia della Sezione Radiomobile, che nel giro di pochi minuti arrivava sul posto. Nel frattempo il richiedente decideva di filmare con il proprio telefono cellulare il nigeriano mentre era all’opera ma questi si accorgeva di essere stato scoperto e si avventava contro il giovane e gli strappava il telefono di mano per poi darsi alla fuga per le vie circostanti.

Il tempestivo arrivo della pattuglia dei Carabinieri metteva subito fine alla fuga del nigeriano; questi però, per sottrarsi al controllo, aggrediva con calci e pugni i militari intervenuti prima di essere definitivamente bloccato. Nella colluttazione i militari riportavano lievi lesioni. Nel corso del controllo lo stesso veniva trovato in possesso di un involucro contenente 7 grammi di marijuana e pertanto è scattata la perquisizione domiciliare dove i militari hanno rinvenuto ulteriori 63 grammi della medesima sostanza, una dose pari a 1 grammo di eroina e la somma di 500 € verosimile provento dell’illecita attività di spaccio.

Le tronchesi, la sostanza stupefacente e il denaro sono stati sottoposti a sequestro mentre il telefono cellulare è stato restituito al legittimo proprietario.

Infine il nigeriano è stato dichiarato in arresto per i reati di Rapina, Lesioni personali, Resistenza a Pubblico Ufficiale e Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e successivamente accompagnato presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Civitavecchia.