Home News Cronaca Fiumicino, la Lega contro il Sindaco: ‘Comune sciatto e sporco’

Fiumicino, la Lega contro il Sindaco: ‘Comune sciatto e sporco’

Degrado, incuria e sporcizia. Queste alcune delle cose a cui il Sindaco di Fiumicino non riesce a trovare rimedio secondo la Lega locale. In una nota Federica Poggio, vicepresidente del consiglio comunale di Fiumicino, attacca il Sindaco e il suo operato. Il primo cittadino viene accusato di preoccuparsi solo di eventi e attività di facciata, ignorando i reali problemi della città.

La nota di Federica Poggio

“A volte mi chiedo se il sindaco sia davvero concentrato su questa città oppure al contrario solo su sé stesso e sull’immagine che dà di lui a Roma. Perché se è vero che la Notte Bianca è stata davvero una splendida iniziativa, con ampio eco, non si può dire di tutto il resto. Questo è un Comune trascurato, trasandato, disordinato.

Ricevo quotidianamente proteste sul degrado in cui versano intere vie del territorio. Via della Pesca per esempio, l’ultima segnalazione che mi è arrivata: marciapiedi impraticabili, ricoperti di rifiuti, erba alta e secca. Con una segnaletica stradale quasi inesistente. Uno spettacolo indecente, sciatto, che dimostra chiaramente il disinteresse di un primo cittadino che si è limitato a grandi fuochi d’artificio e nulla di concreto.

viapesca-7

Immagine 1 di 7

Le tasse continuano ad aumentare, i servizi costano sempre di più. Il turismo, con l’unica eccezione della Notte Bianca, rimane un termine sconosciuto. I rapporti con la Regione sono ai minimi storici, basti vedere la mancata presentazione del piano per il ripascimento delle spiagge. Interi quadranti di questa città sono lasciati a loro stessi. La disoccupazione è a livelli di guardia, le imprese commerciali fanno sempre più fatica a rimanere a galla.

Il degrado e il menefreghismo ormai sono ovunque. Ecco forse a questa città servirebbe qualcos’altro. Ricominciare dalle cose più piccole e banali. Lasciar stare progetti come Auditorium, sottopassi, città dello sport, centri fitness all’aperto e tornare semplicemente a pulire le strade, tagliare le erbacce, installare pali della luce dove non ci sono, realizzare scuole e dare ai nostri giovani e ai commercianti un presente e un futuro più sereno.”