Home News Cronaca Frosinone, il Forum dei giovani in prima linea per migliorare la città....

Frosinone, il Forum dei giovani in prima linea per migliorare la città. Proposto il progetto “Vitamina G.”

Un momento dell'ultima seduta consiliare

La giunta comunale, nell’ultima seduta settimanale, ha approvato la delibera relativa all’idea progettuale presentata dal forum dei Giovani del Comune di Frosinone, per la richiesta del finanziamento regionale Bando delle idee – Vitamina G.

Il Sindaco, Nicola Ottaviani, procederà quindi all’adesione al menzionato progetto che, a seguito anche delle prescrizioni rilevate dai dirigenti dell’Ente, interesserà via degli Etruschi, nel quartiere Cavoni.

Il Forum dei giovani rientra tra le attività supportate dall’assessorato alle politiche giovanili, coordinato da Cinzia Fabrizi, mediante l’ufficio Europa, di cui è responsabile la dottoressa Valeria Nichilò, con la supervisione informatica del Ced comunale, di cui è responsabile l’ing. Sandro Ricci.

Il progetto relativo al quartiere Cavoni, nelle intenzioni dei proponenti, rappresenta un’opportunità per promuovere azioni di solidarietà e di integrazione, favorendo le relazioni intergenerazionali, per il mantenimento, rafforzamento e sviluppo del tessuto sociale. Il patrocinio dell’idea, quindi, prevede la creazione e/o il potenziamento di sedi, strutture e attrezzature condivise, reali e virtuali, in grado di erogare attività e servizi, facilitare forme di aggregazione di giovani che condividono valori e spazi, in modo collaborativo e informale.

In sintesi, la proposta ha come scopo quello di migliorare il territorio tramite interventi di pulitura; ripiantumazione; messa in posa di nuovo verde e alberature, arredo e attrezzature sportive e ludiche, con un’area dedicata a performing art, palcoscenico, street art; area ecologica con compostiera, giardino condiviso, orto urbano; area aggregazione, angolo letterario condiviso, studio, coworking.

L’iniziativa inoltre sarà caratterizzata dall’elemento smart della tutela dell’ambiente e del riutilizzo dell’esistente, comportando una complessiva rivalutazione urbanistica del quartiere.