Connettiti con noi

Cronaca Pomezia

Pomezia, caduta dell’Amministrazione Zuccalà: le reazioni dei partiti politici

Pubblicato

il

Pomezia, sede del comune e torre civica PEBA ancora in ritardo

Pomezia, il giorno dopo la fine dell’Amministrazione Zuccalà arrivano le reazioni dei vari partiti politici. Ieri, come vi abbiamo raccontato praticamente in tempo reale, 13 Consiglieri Comunali hanno infatti ratificato le proprie dimissioni (i 4 consiglieri di Pomezia Attiva e i 9 dell’opposizione) facendo così cadere il Sindaco del M5S.

Questi i commenti del mondo politico riportati nel seguente ordine scorrendo la pagina: 

  • Centrodestra (Lega, FDI)
  • Partito Democratico
  • Italia Viva
  • Movimento 5 Stelle 

Centrodestra Pomezia

“Oggi (ier, ndr) abbiamo messo finalmente la parola fine all’amministrazione del M5S e dell’ormai ex sindaco Zuccalà. Come centrodestra in questi 4 anni siamo stati l’unica voce che ha raccontato sempre i fallimenti di Zuccalà e dei pentastellati. Questa sciagurata amministrazione ha continuamente calpestato le più elementari regole democratiche evitando ogni confronto con le forze dell’opposizione e bocciando ogni nostra proposta”.

“Zuccalà ha fallito sotto ogni aspetto e non si è dimostrato all’altezza del prestigioso compito affidatogli dai cittadini di Pomezia 4 anni fa. In questo periodo ha perso infatti 10 consiglieri comunali su 15 che erano stati eletti nel M5S nel 2018. In 10 più un assessore hanno tolto la loro fiducia al sindaco. Un sindaco che ha pensato in questi anni solo ed esclusivamente ad alimentare il suo insaziabile ego dimostrando un’evidente mancanza di leadership e lucidità”.
“Ma non basta. Non ha saputo offrire alla nostra Città una visione, un progetto di ampio respiro e a lungo termine. Non è riuscito nemmeno nelle attività ordinarie come la manutenzione delle strade, figuriamoci in quelle strategiche”.
 
“Che dire del M5S. Una volta di più si è dimostrato un partito totalmente inaffidabile che non è stato capace di portare a termine il mandato elettorale. Questo rende i pentastellati incapaci di amministrare ed inadatti al governo. Governare impone assunzioni di responsabilità che il M5S non si è dimostrato in grado di assicurare. Ora per quanto ci riguarda la strada è già tracciata per portare a frutto il lavoro che come centrodestra assicuriamo già da 4 anni. Siamo pronti ad offrire alla nostra comunità la modernità, lo sviluppo, i servizi e le opere che la nostra Città merita. Siamo pronti a garantire sicurezza ai nostri concittadini e sostegno alle famiglie e ai nostri bambini, soprattutto a quelli che vivono disabilità. Noi siamo pronti ad affrontare a testa alta il giudizio degli elettori. Pomezia ha voltato finalmente pagina”.

Lega

“E’ stato uno stillicidio ma finalmente possiamo dichiarare conclusa l’amministrazione farsa guidata da Zuccalà. Oggi è arrivata la sfiducia definitiva dopo che in quattro anni diversi consiglieri avevano abbandonato la maggioranza. L’esperienza di Pomezia è l’ennesima prova dell’incapacità di Governo del Movimento Cinque Stelle che litiga su tutto e non si interessa minimamente del benessere comune. La giunta cinque stelle è andata a casa perché si è dimostrata totalmente inadeguata non ha raggiunto nessun risultato degno di nota ed è stata distante dai cittadini e concentrata solo a mantenere al poltrona per qualche mese in più. Ora dobbiamo metterci subito a lavoro per ridare a Pomezia governo capace e coeso in grado di saperla amministrare al meglio e di rispondere alle esigenze dei cittadini”. Questa la nota di Fabio Fucci Capogruppo della Lega al consiglio comunale di Pomezia e Tony Bruognolo Segretario Politico della Lega Provincia di Roma Sud.

Fratelli d’Italia

“Grazie alla sfiducia dei consiglieri di centrodestra e soprattutto di quelli del Partito Democratico, con Pomezia crolla l’ultima roccaforte grillina nel Lazio. Determinanti per far cadere l’amministrazione pentastellata le firme del PD. Ora dopo questo episodio, dopo la rottura a livello nazionale tra Conte e Letta, dopo il mancato accordo per la Regione Sicilia, ci aspettiamo che coerentemente avvenga altrettanto anche per la Regione Lazio, che è ormai l’unico ente dove è rimasto in piedi l’accordo PD-M5S. Un’anomalia ingiustificabile che è l’ennesima rappresentazione plastica di come Zingaretti, pur di conservare la poltrona, stia continuando a tenere in vita la maggioranza giallo-rossa, in barba agli indirizzi politici nazionali”. A dichiararlo in una nota il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Antonello Aurigemma.

Partito Democratico

Questa la nota del Partito Democratico di Pomezia. “Ieri mattina il Capogruppo Stefano Mengozzi e il Consigliere Paolo Zanin, insieme ad altri 11 consiglieri comunali, si sono dimessi determinando così la fine anticipata dell’amministrazione Zuccala. Un epilogo annunciato da una crisi della maggioranza che va avanti da troppo tempo: negli anni abbiamo assistito a svariate dimissioni, tra cui quella di un Assessore che sono culminate con gli ultimi quattro Consigliari che hanno dato vita a Pomezia Attiva. Si scioglie, dunque, il consiglio comunale. Un luogo, quest’ultimo, che da troppo tempo ha smesso di essere luogo di confronto e di democrazia è trasformato in luogo di sola comunicazione da parte di una Amministrazione chiusa in sé stessa e incapace di governare, che negli anni ha rinunciato al confronto con la città. Non è stato comunque semplice arrivare a questa decisione. Per la seconda volta in 10 anni, l’arroganza di un Sindaco e del suo giglio magico tradisce la fiducia che le cittadine e i cittadini di Pomezia avevano riposto”.
 
“Come Partito Democratico ci sentiamo di ringraziare i consiglieri Mengozzi e Zanin per la coerenza e il coraggio. Con l’arrivo del commissario si apre di fatto una fase delicata che ci accompagnerà alle elezioni. In questi mesi abbiamo lavorato per rinnovare la nostra classe dirigente e prepararci alla sfida, avendo come unico obiettivo il benessere della nostra città. Abbiamo un’enorme responsabilità: dopo 10 anni Pomezia merita un’amministrazione all’altezza della sfida di cambiamento che i cittadini hanno espresso nelle urne. Questa volta, ad intercettarla, dovrà essere un Partito Democratico nuovo, forte e in grado di essere perno di una coalizione ampia che rappresenti le diverse anime della città”. 

Italia Viva

“La sfiducia al sindaco Zuccala’ di Pomezia, anche da parte di alcuni esponenti della sua maggioranza, rappresenta l’ennesima certificazione del fallimento, a tutti i livelli, del progetto del Movimento 5 stelle. Come in tutte le esperienze grilline della provincia di Roma, l’Amministrazione di Pomezia si è dimostrata incapace di affrontare le problematiche reali della Città, ad iniziare dalla vergognosa situazione di ECOX dove le 8000 tonnellate di rifiuto bruciato giacciono a terra da quasi 7 anni. Siamo quindi giunti all’unico epilogo possibile”.

“Italia Viva a Pomezia ha attivato da mesi un dialogo con le forze di opposizione al Movimento 5 Stelle nel tentativo di costruire una proposta politica seria, concreta e realizzabile.
Sarà un percorso che ci vedrà passare attraverso le elezioni politiche e le elezioni regionali ma sempre con un obiettivo chiaro: una proposta seria per una Amministrazione seria.”
Lo dichiarano in una nota i coordinatori della Provincia di Roma di Italia Viva Luca Andreassi e Ileana Piazzoni, quest’ultima anche candidata al Senato nel collegio uninominale della zona.

Sinistra Italiana

“Dopo quasi 10 anni di amministrazione del M5S, con 9 mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del mandato, anche l’ultimo sindaco grillino decade e consegna il Comune in mano al Commissario straordinario. Le dimissioni in massa dei consiglieri di minoranza e dei 4 consiglieri del M5S dissidenti hanno portato alla conclusione di questa esperienza amministrativa. Di sicuro si chiude una parentesi amministrativa che è durata quasi 10 anni: dal 2013 al 2018 è stata guidata da Fucci e la seconda, dal 2018 a oggi, da Zuccalà. Le prime crepe nel M5S iniziarono già nel 2018, quando il Sindaco Fucci, non avendo ricevuto garanzia dal movimento di proseguire oltre i due mandati, abbandona e si candida con proprie liste civiche, venendo eletto in Consiglio Comunale. Si iscrive alla Lega di Salvini e viene nominato referente di questo partito in città. Stamane ha protocollato insieme agli altri le proprie dimissioni e contribuito al Commissariamento”.

“Zuccalà viene eletto nel 2018, anno dell’exploit elettorale al 34% del M5S a livello nazionale e amministra il Comune di Pomezia sino a oggi. La domanda da porsi ora è: quale bilancio politico si può trarre da questa esperienza politica per la cittadinanza di Pomezia? Una forza politica come Sinistra Italiana che in questi anni non è stata presente in Consiglio Comunale esprime queste considerazioni. Vale la pena di ricordare che nell’ascesa del M5S alla guida della città ci fu proprio il contributo coraggioso e generoso di Sinistra Italiana (a suo tempo Sinistra Ecologia e Libertà) e RC, che con il loro 6,5% dei consensi al primo turno, decisero di appoggiare al ballottaggio il Sindaco Fucci anziché la coalizione del PD, guidata da Omero Schiumarini, (coalizione responsabile di una gestione amministrativa disastrosa negli anni precedenti) pur sapendo che quella decisione avrebbe negato qualsiasi possibilità di eleggere il proprio rappresentante in Comune, mentre lo avrebbero eletto in caso contrario”.

“Lo abbiamo fatto perché in politica non deve prevalere l’interesse personale o di parte, l’arroganza, l’accaparramento del potere, bensì il bene della collettività e della propria comunità. La generosità è una virtù che oggigiorno è merce rarissima. Quello che ci si attendeva non era un riconoscimento ma il superamento del concetto proprietario delle Istituzioni, che costituiva anche il messaggio della prima ora del M5S. Invece si sono assunte delle posizioni di netto rifiuto di tutto quello che veniva dall’esterno, soprattutto dai partiti, perché si voleva affermare la purezza del movimento, senza alcuna distinzione, in maniera settaria, dogmatica, arrogante. I rapporti che questa amministrazione ha voluto stabilire con le associazioni e i comitati sono state indirizzate a privilegiare più quelle vicine”.

“Questa modalità è stata una costante nell’amministrazione Fucci ed è proseguita anche in quella successiva. Qualsiasi richiesta di confronto non è mai stata accolta. Ne citiamo alcune: la prima raccolta di firme fatta sulla realizzazione della strada di collegamento tra Pomezia e la stazione di S. Palomba, i cui fondi sono stati dirottati in Via di Valle Caia (del tutto inutile allo scopo), ma dopo 10 anni non se ne è fatto ancora nulla; abbiamo assistito ad una disinvolta gestione dell’urbanistica contrattata (gli eco-mostri che poi si sono redenti) senza alcun tentativo di procedere nell’alveo della pianificazione urbanistica del territorio; i tentativi di colare tanto cemento lungo la via del Mare con il Parco Alba Lavinium, sfociati tra l’altro pure nella chiusura del Borgo di Pratica di Mare”.

“Eppure l’ascolto, la partecipazione, la trasparenza erano state parole d’ordine propagandate, ma nei fatti non sono state applicate concretamente, perché l’esercizio del comando, sono stati più forti delle promesse e le aspettative della città sono state tradite. Riteniamo siano stati anche questi gli errori che hanno portato al logoramento di questa maggioranza, che poteva contare su un consenso generalizzato e diffuso. Errori nel metodo ed errori nella gestione dei contenuti. Che suggerimento dovrebbe scaturire dalla esperienza che si è appena conclusa?”

“La cittadinanza di Pomezia nel lontano 2013 volle esprimere piena fiducia al M5S, il quale aveva colto il desiderio, la volontà dei cittadini di rottura con un sistema consolidato di spartizione e gestione degli appalti per le solite clientele, di occupazione del potere in tutti i settori della struttura amministrativa, di bilanci fuori controllo e di completo abbandono della città. Perché in questa analisi abbiamo voluto ripercorrere sia la situazione antecedente sia quella della esperienza appena conclusa? Perché già si avverte nell’aria una volontà di disfarsi velocemente anche di ciò che di positivo è stato realizzato da questa amministrazione (la raccolta differenziata porta a porta, una maggiore attenzione alle politiche sugli appalti, la informatizzazione di tanti servizi per il cittadino, cura del territorio) e la sensazione che si coglie è quella di voler riportare indietro le lancette dell’orologio e con esse tornare alla politica vecchia maniera”.

“Sinistra Italiana si batterà affinché quelle istanze di cambiamento auspicate dai cittadini siano attuabili. Una programmazione urbanistica degna di questo nome con zero consumo di suolo, uno stop alla realizzazione di ulteriori centri commerciali, un’attenta politica di recupero del patrimonio edilizio esistente e il miglioramento dell’attuale zonizzazione. Questa città non ha bisogno di nuove speculazioni urbanistiche o di capannoni e case vuote, ma di collegare bene quelle che ci sono con servizi efficienti: abbiamo bisogno, invece, di realizzare una mobilità sostenibile verso Roma e tra i tanti quartieri sparsi sul territorio per migliorare sia le condizioni di vita dei pendolari sia degli studenti sia dell’ambiente nel quale viviamo. Abbiamo bisogno di rilanciare l’area industriale-farmaceutica e tecnologica del nostro territorio con realtà produttive di alta qualità per affrontare efficacemente le politiche del lavoro nel contrasto alla disoccupazione e alla tante forme di precarietà. Una città che sappia concorrere nel creare spazi culturali e soprattutto aule, scuole ai propri studenti”.

“Un territorio che ha incrementato con buoni risultati la raccolta differenziata porta a porta non può tollerare che venga realizzato un mega impianto di termovalorizzazione con tutto quello che ne consegue e non deve più accadere che capannoni stipati fino all’inverosimile di rifiuti (Ecox) possa andare a fuoco e creare una bomba ecologica per tutta la popolazione residente di un intero quadrante. Occorre invertire l’ordine delle priorità con un’attenzione particolare verso il sociale e per il ripristino dei presidi sanitari smantellati durante questi anni. Sinistra italiana sarà quindi disponibile a costruire per questa città un campo progressista largo, aperto a partiti e movimento, comitati e associazioni, a condizione di un radicale rinnovamento della classe politica e che sia in netta discontinuità con le esperienze amministrative di centrosinistra già conosciute negli anni. Poiché non amiamo essere mai vaghi o propagandistici ci sembra ovvio che quanto detto implichi necessariamente la disponibilità, da parte delle forze partecipanti, a impegnarsi formalmente e da subito affinché nessuno dei protagonisti di quelle incresciose vicende politiche del centrosinistra pometino, cui abbiamo fatto riferimento, o sia in futuro presente nelle liste che comporranno un eventuale campo progressista. Una analoga chiarezza di intenti è richiesta anche a tutti gli altri soggetti che intendano dare vita a tale campo politico”.

Così Antonio Di Lisa, Coordinatore del Circolo di Sinistra Italiana Pomezia.

Movimento 5 Stelle

Ieri avevamo pubblicato il commento a caldo del Sindaco Zuccalà subito dopo aver appreso la notizia della caduta della sua Amministrazione. Di seguito invece il commento del gruppo del M5S della Regione Lazio.

La nostra solidarietà al sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà che oggi,  senza alcun senso di responsabilità da parte di chi ha tradito gli impegni presi con i cittadini, è stato sfiduciato attraverso un ignobile giochetto di palazzo. I quattro fuoriusciti dal Movimento 5 Stelle che hanno provocato la fine di un’Amministrazione virtuosa, alleandosi con centro-destra e Partito Democratico, lo hanno fatto nel peggiore dei modi: nelle segrete stanze di un notaio, senza passare attraverso il confronto democratico in Consiglio comunale“.

“De Zanni, Conficconi, Piumarta e Mercuri hanno abbandonato i cittadini di Pomezia per opportunismo, ambizione, probabili accordi elettorali con quegli stessi partiti dai quali si sono fatti strumentalizzare e questo dimostra tutta la loro inaffidabilità politica. A questi signori degli accordi sotterranei va ribadito che il danno maggiore lo hanno fatto alla città che, in nove anni di Amministrazione a guida M5S, è risorta e che ora vedrà il blocco di molti lavori che si sarebbero dovuti realizzare nei prossimi mesi e nuovi fondi dal PNRR. Siamo certi che i cittadini sapranno da che parte stare quando si andrà alle urne”.

Pomezia, l’ex Sindaco Zuccalà al veleno: “Compiuto gesto vigliacco per 15 minuti di notorietà”

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy