Home News Cronaca Cotral, non si sale più da dietro: l’autista convalida biglietto e abbonamento

Cotral, non si sale più da dietro: l’autista convalida biglietto e abbonamento

Niente più «Capo, apri dietro». Con l’autista controllore si sale dalla porta anteriore e si convalida il biglietto e l’abbonamento. Così Cotral cerca di difendersi dall’evasione, vera piaga del servizio di trasporto pubblico del Lazio.

Ad essere controllati e timbrati non solo i biglietti, ma anche gli abbonamenti. I passeggeri potranno entrare solo dalla porta anteriore, in modo che gli autisti-controllori possano verificare la validità del titolo di viaggio.

La rivoluzione Cotral è partita al momento sulle corse meno utilizzate ma, da marzo, sarà estesa a tutta la linea. E, sempre da marzo, gli autisti faranno i controlli non più solo ai capolinea come in questi primi giorni, ma anche alle fermate.

Già nell’ultimo anno la stretta sui controlli aveva portato a un aumento del 48% di biglietti venduti rispetto ai due anni precedenti, adesso l’obiettivo è quello di abbattere completamente il numero di passeggeri che viaggiano gratis.

In questi giorni partirà la campagna pubblicitaria “Convalida e metti ko l’evasione” che spiegherà come Cotral sta cambiando in merito all’utilizzo dei biglietti.

Diventa obbligatorio salire dalla porta anteriore e convalidare il proprio titolo di viaggio alle macchinette obliteratrici, mentre gli autisti controlleranno i biglietti e gli abbonamenti.

Unica eccezione le corse “che registrano particolari situazioni di esercizio e di traffico”, che saranno esentate come stabilito nell’articolo 36 del contratto collettivo nazionale degli autoferrotranvieri.