Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Violenta fino alla morte una cagnolina per fare un ‘dispetto’ alla ex: condannato al carcere

Pubblicato

il

cagnolina uccisa

«Ce l’abbiamo fatta! Oggi Pilù riceve giustizia. Possiamo esultare, dopo 7 interminabili anni di battaglie legali». Ad affermarlo è Walter Caporale, il Presidente degli Animalisti Italiani.
«È sicuramente una vittoria aver ottenuto il massimo della pena prevista in Italia per il colpevole Gaetano Foco che seviziò, stuprò e violentò Pilù, la cagnolina della sua ex fidanzata, ragazza che lui picchiava. Sconterà 18 mesi di carcere! Oltre al risarcimento danni e al pagamento delle spese processuali gli è stato vietato di detenere animali in futuro e per sempre.
La maggior parte dei processi per reati contro gli animali si conclude con l’istituto della messa alla prova, il che significa che l’assassino di solito non sconta nemmeno un giorno di carcere. Possiamo considerare il caso giudiziario di Pilù un piccolo passo avanti nella tortuosa e lunga strada della difesa dei diritti degli animali».

Gli animalisti chiedono pene più severe per chi commette reati contro gli animali

«Ma non ci fermeremo qui – aggiunge Caporale – proseguiremo la nostra raccolta firme per ottenere pene più severe sia in termini di detenzione che di sanzioni pecuniarie in merito a tali tipologie di reato. Non esistono vite di serie A e di serie B. Gli animali, come sancito dalla recente modifica dell’art.9 della Costituzione, sono un patrimonio da tutelare anche nell’interesse delle future generazioni. È fondamentale che l’inasprimento delle pene non sia avvertito come esigenza solo dal Parlamento, ma che goda del supporto popolare. La giustificazione della violenza, a qualsiasi livello si verifichi, non può che portare ad una degenerazione della comunità civile».
Nel nostro Paese secondo la Legge 189 del 2004 che integra la 727 del Codice Penale il reato di maltrattamento prevede da 3 a 18 mesi di carcere. Animalisti Italiani ha lanciato da tempo una petizione firmabile sul sito www.animalisti.it chiedendo l’aumento del periodo detentivo e che l’arresto non possa essere commutato in pena pecuniaria.

Pilù seviziata e uccisa per fare un “dispetto” alla ex

Un dispetto da fare alla ex. Questo sarebbe stato il movente dell’atrocità inaudita e inaccettabile compiuta da Gaetano Foco, che maltrattava la fidanzata e, proprio per vendicarsi di lei, ha seviziato e torturato fino alla morte Pilù, un pincher nano al quale la compagna era legatissima. Gli Animalisti Italiani si sono immediatamente costituiti parte civile nel processo a carico dell’uomo e hanno organizzato numerose manifestazioni per sensibilizzare l’opinione pubblica e ribadire la necessità di pene più severe per i reati contro gli animali.
Oggi, finalmente, si scrive la parola fine su questa drammatica vicenda.
«A diversi anni dal verificarsi del fatto – afferma l’Avvocato degli Animalisti Italiani, Francesca Menconi – possiamo esultare per come si è conclusa l’orribile vicenda che aveva ad oggetto il maltrattamento di un’innocente cagnolina, vittima del suo aguzzino. Il drammatico episodio, purtroppo, rimarrà una ferita indelebile e qualunque condanna non sarà mai proporzionata ai fatti, ma per una volta possiamo dire che giustizia è stata fatta».

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy