Home News Cronaca Blocco auto Roma domani 14 gennaio 2020: stop a veicoli più inquinanti...

Blocco auto Roma domani 14 gennaio 2020: stop a veicoli più inquinanti e diesel fino a Euro 6

Smog: Campidoglio, registrati elevati livelli inquinamento. Domani stop ai veicoli più inquinanti e ai diesel fino a Euro 6

Blocco auto Roma domani 14 gennaio 2020

Blocco auto Roma domani 14 gennaio 2020. Il provvedimento era nell’aria ma ora ha trovato i crismi dell’ufficialità. E’ di pochi minuti fa infatti il provvedimento varato dal Campidoglio circa le limitazioni al traffico per contrastare i livelli, altissimi, di inquinamento.

Blocco auto Roma domani 14 gennaio 2020, Divieto per mezzi privati a gasolio in due fasce orarie

 Visto il persistere a Roma degli elevati livelli di inquinamento da PM10, rilevati dalla rete urbana di monitoraggio e validati dall’Arpa Lazio, è stata disposta per la giornata di domani, martedì 14 gennaio, la limitazione alla circolazione veicolare privata nella ZTL “Fascia Verde”. La limitazione riguarderà tutti i veicoli privati alimentati a gasolio che non potranno circolare nella Z.T.L. “Fascia Verde” di Roma in due fasce orarie. Nello specifico l’ordinanza sindacale stabilisce la limitazione della circolazione dalle ore 7.30 alle 10.30 e dalle ore 16.30 alle 20.30 per tutti gli autoveicoli diesel da “Euro 3” fino a “Euro 6”.

Blocco auto Roma domani 14 gennaio 2020: il resto del provvedimento

Il provvedimento (oltre ai divieti già previsti dalla D.C.S. n. 4/2015) stabilisce anche dalle ore 7.30 alle 20.30 la limitazione della circolazione veicolare nella Z.T.L. “Fascia Verde” di Roma per:

  • Ciclomotori e Motoveicoli Euro 0 ed Euro 1
  • Autoveicoli Benzina Euro 2

Resta l’interdizione completa all’ingresso nella “Fascia Verde” per i veicoli a motore diesel “Euro 1” ed “Euro 2” e benzina “Euro 1”.

Il piano contro lo smog: attenzione alle temperature degli impianti termici

Gli interventi sono stati adottati sulla base dei criteri indicati nel Piano di intervento operativo, come stabilito dalla delibera n.76 del 28 ottobre 2016. I rilevamenti hanno, infatti, evidenziato livelli di inquinamento elevati e una situazione prevista di forte e persistente criticità nei prossimi giorni.

Inoltre, il provvedimento prevede che gli impianti termici dovranno essere gestiti in modo da garantire una temperatura dell’aria negli ambienti non superiore a 18°C o 17°C in funzione del tipo di edificio. Il testo dell’ordinanza e le relative deroghe sono riportati online sul portale di Roma Capitale.