Connettiti con noi

News

Come la legislazione influenza la crescita e lo sviluppo dei casinò online

Pubblicato

il

casinò Venezia

Introduzione

La maggior parte dei casinò online sono cresciuti di pari passo con internet: grazie ai progressi tecnologici e ad una rete sempre più performante anche i casinò si sono potuti espandere di conseguenza, trasformandosi in veri e propri mostri del gioco d’azzardo capaci di competere e superare le sale da gioco fisiche. 

Anche se la rete è sinonimo di libertà, ben presto i legislatori di tutti i Paesi del mondo, Italia compresa, hanno dovuto fare i conti con il betting online ed iniziare a porre in essere adeguate misure per regolamentare questo particolare mercato. 

Cerchiamo di analizzare il fenomeno, evidenziando come la regolamentazione abbia influito sulla crescita e lo sviluppo dei casinò online. 

La regolamentazione

Come anticipato, tutti i Paesi del mondo hanno dovuto adottare delle misure per regolarizzare il mondo del gambling online, allo stesso modo di come avevano affrontato il tema dei casinò e sale da gioco fisiche presenti da decenni sul territorio. 

La regolamentazione del gioco d’azzardo, specie di quello online, cambia parecchio a seconda delle leggi dei vari Paesi, per cui ci troveremo di fronte a situazioni differenti. Andiamo a vedere qualche esempio. 

Regolamentazione Italiana

L’Italia può vantare una delle migliori regolamentazioni al mondo. Grazie all’ADM (ex AAMS) è stato redatto un documento di oltre 100 pagine di requisiti che ogni casinò online deve soddisfare per ottenere la licenza per operare sul suolo italico. 

La licenza ADM, che i casinò online possono ottenere tramite un bando e in seguito dopo il pagamento di una cifra che si aggira intorno ai 350000€, è un requisito essenziale per poter proporre i propri giochi ad un popolo di scommettitori come gli italiani. 

La licenza è stata istituita tramite diversi step, già nel 2008 è stato regolamentato il mercato del poker online. Solo nel 2011 però è arrivata la stretta decisiva: tutti i casinò privi di licenza e dei requisiti essenziali per operare in Italia sono stati definitivamente chiusi da ADM. 

C’è stata è c’è tuttora una vera e propria lotta agli operatori irregolari, tanto che ogni anno ADM continua a chiudere centinaia di siti non a norma.  

Oltre a questo, ad un certo punto nel 2018, per combattere il fenomeno della ludopatia e del gioco minorile, i legislatori si sono anche impegnati per contrastare la pubblicità degli operatori di casinò, anche se questo decreto è stato rivisto l’anno successivo perché in effetti andava anche contro gli interessi dello Stato, che comunque dal gioco d’azzardo riceve milioni di entrate a livello di gettito erariale. 

In generale, da quando è stata introdotta la licenza ADM, il gioco online è fortemente cresciuto in Italia. Sia gli operatori che gli scommettitori si sentono più tutelati e questo ha contribuito in modo decisivo al rilancio del gioco d’azzardo in Italia.

giustizia

La Germania

Molto diversa invece è la situazione in Germania. La regolamentazione tedesca fino a pochissimo tempo fa aveva imposto forti limitazioni al gioco online, specialmente ai casinò e al poker. Fino a metà del 2021 in Germania si potevano perlopiù effettuare solo scommesse online ma successivamente anche questo Paese ha aperto a casinò, poker e in generale a tutti i giochi d’azzardo online. 

Tuttavia come testimonia anche ADNKRONOS, ancora oggi permangono forti limiti che di fatto non fanno decollare il gambling in Germania: tetto massimo di puntata di 1€, niente jackpot, deposito massimo di 1000€, niente pubblicità la mattina. 

I Paesi Bassi

Anche qui la situazione è più simile alla Germania che all’Italia. Nel 2021 è entrata in vigore una legge che apre di più ai casinò online, mettendo in campo differenti licenze a seconda che l’operatore voglia aprire al poker o a giochi casinò o scommesse sportive. 

L’organo che regolamenta il mercato è la KSA, che ha introdotto licenze a partire da 45000€ (comunque dal costo molto inferiore rispetto all’Italia). Solo gli operatori con forti garanzie economiche possono operare in questi Paesi, per cui se vogliamo i giocatori sono estremamente tutelati. 

La Danimarca

I danesi hanno introdotto per primi il sistema di autoesclusione, permettendo ai giocatori affetti da ludopatia di controllare il proprio problema. Ha introdotto anche un’applicazione che permette al giocatore di monitorare in ogni momento le giocate effettuate, le vincite e anche le perdite, in modo da rendere gli appassionati anche più consapevoli del rischio economico. 

In generale quindi la Danimarca tutela in modo egregio gli scommettitori e si pone come modello per tutti gli altri Paesi. 

La Svizzera

Dalla Svizzera ci si aspetterebbe un’ampia apertura al gioco online, invece sono bandite tutte le scommesse online. Si possono effettuare giocate solamente in casinò terrestri, evidentemente per tutelare gli storici casinò che operano da anni a Lugano e negli altri cantoni svizzeri. 

Resto del Mondo

Ci sono Paesi dove è proibito il gioco online, che è di fatto illegale. Possiamo citare ad esempio la Corea del Nord, gli Emirati Arabi e il Brunei.

Negli Stati Uniti invece la situazione è ibrida: ci sono Stati che hanno legalizzato il gioco online e altri che invece lo proibiscono.  In Canada invece è illegale ma la legislazione non è ancora chiara. Come per gli Stati Uniti, anche in India ci sono alcune province dove il gioco è tollerato mentre in molte altre è illegale. 

giustizia

Conclusioni

La regolamentazione influenza tantissimo la crescita e lo sviluppo dei casinò online. Da una parte abbiamo Paesi che utilizzano le leggi per salvaguardare i giocatori contro la ludopatia e il gioco minorile, dall’altro Paesi come l’Italia che hanno fortemente regolamentato il settore ma hanno anche rassicurato i giocatori e aperto a tutti i casinò online in regola, permettendo la crescita del mercato. 

Ci sono poi situazioni come quella Svizzera, dove il gioco online non decolla proprio a causa di leggi severissime a favore del gioco fisico.





 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy