Home Cerveteri e Ladispoli News Coronavirus, nel Lazio c’è preoccupazione per le vacanze dei giovani all’estero. D’Amato:...

Coronavirus, nel Lazio c’è preoccupazione per le vacanze dei giovani all’estero. D’Amato: ‘Prevediamo un incremento del valore RT per i casi di rientro’

Nelle ultime 24 ore sono 37 i nuovi casi di Coronavirus registrati nel Lazio. Di questi, 18 sono casi di importazione o riguardano giovani di rientro dalle vacanze. Nell’Asl Roma 1, infatti, quattro casi sono riferibili ad un cluster di ritorno da un viaggio in Puglia, un contagio è di rientro da un viaggio a Malta e un caso riguarda una donna di rientro da Ibiza. Nell’Asl Roma 2, dei 6 nuovi casi, due sono rispettivamente di ritorno dalla Croazia e dalla Grecia. Sempre da un viaggio di ritorno da Malta positiva una ragazza di 18 anni, mentre da Carfù una ragazza di 19 anni (Asl Roma 3). Ancora un caso da Ibiza è stato registrato dall’Asl Roma 5 e si tratta di una donna. E’, invece, rientrato da Malta un uomo di 60 anni risultato positivo e registrato dall’Asl Roma 6. A Latina positiva una coppia di rientro da Barcellona, mentre a Viterbo tampone positivo per un giovane di 19 anni di ritorno da un viaggio scolastico in Grecia. 

Leggi anche: Coronavirus Lazio, casi in aumento: oggi 37 positivi, 18 sono d’importazione. Tanti i giovani contagiati in vacanza

D’Amato: ‘Aumento del valore RT’

‘Oggi registriamo 37 casi e un decesso. Di questi un caso proviene dal Cas Mondo Migliore di Rocca di Papa (Asl Roma 6) e 18 casi sono di importazione o di riguardano giovani di rientro dalle vacanze: tre i casi di rientro da Malta, tre casi da Grecia, due casi da Ibiza e due da Barcellona, due casi da Francia, due casi da Kosovo, un caso da Ucraina, un caso da Croazia, un caso da India e un caso da Romania. Il valore RT nella valutazione settimanale è di 0.99 ma prevediamo un aumento dovuto ai casi di rientro dalle vacanze e dall’estero’ – commenta D’Amato.

Coronavirus nel Lazio: la situazione aggiornata al 12 agosto

Nel Lazio gli attuali casi positivi sono 1121. Di questi, 190 sono ricoverati non in terapia intensiva, 9 sono in terapia intensiva e 922 sono in isolamento domiciliare. Da inizio pandemia i deceduti sono 868, mentre i guariti 6931. In totale sono stati esaminati 8920 casi.