Home News Cronaca ACCESSI AL MARE, CON BARRIERE “FAI DA TE”

ACCESSI AL MARE, CON BARRIERE “FAI DA TE”

Fatta la legge, trovato l’inganno? Pare proprio di sì. A segnalarlo Walter Giustini e Simone Centore de La Destra di Ardea, che hanno segnalato come si può aggirare l’ordinanza emessa dal sindaco Carlo Eufemi a proposito delle sbarre che ostruiscono l’accesso al mare. Il “trucco” è quello di mettere dei vasi di fiori dove prima c’era la sbarra, impedendo così di fatto il passaggio delle auto. “A questo punto –sostengono da La Destra – l’Amministrazione Comunale e le forze dell’ordine devono andare avanti senza fare sconti a nessuno. Dove sono stati rimossi alcuni cancelli e barriere varie per consentire il passaggio a mare ai cittadini, anche attraverso i consorzi, oggi troviamo vasi ed ostacoli vari che impediscono il transito. Nella nostra città l’arroganza, la prepotenza e l’illegalità affiora ogni giorno senza che nessuno intervenga”. Giustini e Centore fanno esempi ben precisi e circostanziati. “Il Consorzio “LA PICCOLA CAPRI”, dove proprio venerdì sono state rimosse le barriere ha pensato bene di ripristinarle “motu proprio” posizionando tre vasi all’ingresso per impedire l’accesso alle autovetture. Fino a quando dobbiamo sopportare tutto questo? Chiediamo al Sindaco ed alle forze dell’ordine di dimostrare che un po’ di legalità in questo paese ancora esiste e di procedere in modo energico contro chi ancora continua a sfidare le autorità, rimuovendo sia i vasi all’ingresso della strada di accesso della PICOLA CAPRI sia denunciando all’Autorità Giudiziaria i responsabili di tale illecito. Non si può più aspettare”.