Connettiti con noi

Cronaca

ARRESTI, I COMMENTI DEL SINDACO E DELL’ASSESSORE ALL’URBANISTICA

Pubblicato

il

Ufficializzata la convalida degli arresti. La notizia arriva direttamente dalla Procura di Velletri, che conferma alla nostra redazione che i provvedimenti presi ieri sono stati confermati dai Giudici che hanno in carico il procedimento. A distanza di un giorno, non si sono di certo placati i venti di tempesta che hanno soffiato su Pomezia, travolta ieri dallo scandalo degli arresti di una dirigente ed un impiegato comunale. L’operazione effettuata all’alba di ieri dalla Guardia di Finanza su richiesta del Sostituto Procuratore di Velletri Travaglini ha suscitato clamore, sdegno, sorpresa e polemiche non solo tra i cittadini, ma anche e soprattutto tra gli addetti ai lavori. Oltre alla notizia della convalida degli arresti, nessuna nota scritta è stata fornita dalla Procura o dalla Compagnia della GdF di via Cavour sui dettagli dell’operazione condotta dalle Fiamme Gialle che ha portato ai domiciliari per la Dirigente dell’Ufficio Urbanistica del Comune di Pomezia, Anna Ferrazzano (che è anche consigliere comunale a Nettuno), del tecnico dello stesso ufficio Domenico Consalvo, di due noti geometri di Pomezia – Danilo Chiarelli e Luciano Gatto – e del costruttore romano Roberto Luccarini con l’accusa di corruzione. Corruzione che sarebbe partita dall’offerta di denaro – si parla di circa 20 mila euro – per un cambio di destinazione d’uso di un vecchio immobile situato in un terreno su Via del Mare, all’altezza di via della Macchiozza, da ottenere attraverso l’intermediazione dei due geometri. Il vecchio stabile ospitava parecchi anni fa una trattoria (si vede ancora una parte del nome sui muri ormai scrostati): il costruttore avrebbe voluto invece ricavarne un uso residenziale.

A prendere la parola per primo è stato il Sindaco di Pomezia, Enrico De Fusco. “Si tratta sicuramente di una brutta vicenda che danneggia l’immagine della città e dell’Amministrazione comunale in un momento difficile come quello che stiamo attraversando e in un settore delicato qual è quello dell’Urbanistica. Non abbiamo ad ora documenti ufficiali che possano farci comprendere meglio la situazione, ma l’Amministrazione comunale adotterà tutti provvedimenti previsti dalla legge non appena verrà in possesso della documentazione ufficiale che verrà valutata dalla Commissione disciplinare convocata per lunedì prossimo 28 novembre. Spero – ha concluso il Primo Cittadino – che si faccia chiarezza quanto prima sull’accaduto”. Anche l’assessore all’Urbanistica Massimiliano Cruciani, come molti altri politici, ha saputo degli arresti eseguiti dalla Guardia di Finanza di Pomezia attraverso la stampa e le voci di strada. “Ho appreso dai giornali quanto accaduto – ha commentato Cruciani questa mattina – in quanto nei nostri uffici non è venuto nessun inquirente a chiede informazioni o a richiedere documentazione di alcun tipo, almeno da quando io sono a capo di questo assessorato. Per evitare rallentamenti nei confronti del lavoro in corso, questa mattina il segretario comunale ha nominato come dirigente facente funzione il sig. Bruno Lombardi. In questo modo i nostri uffici non risentono di quanto accaduto e possono continuare ad andare avanti con la programmazione e la pianificazione urbanistica prevista dal programma elettorale. Non sono mai entrato nelle singole concessioni edilizie: non sapevo nulla in merito a quella relativa alle indagini degli inquirenti, nei quali ripongo la massima fiducia affinché venga fatta assoluta chiarezza”. Nessun commento sulla Dirigente o sull’impiegato agli arresti domiciliari. “E’ sicuramente una vicenda che danneggia l’immagine dell’Amministrazione comunale, ma vorrei che fossero ben distinte le eventuali responsabilità personali da quello che è realmente la macchina amministrativa ed il suo funzionamento”.

12 Comments

12 Comments

  1. Rolando Alberto

    25 Novembre 2011 - 20:13 at 20:13

    \n\n\n\nFavori, doni e\nmazzette sono la norma. Un tempo l’illegalità era concentrata nel settore\nedilizio, tra licenze, piani di lottizzazione e cambiamenti di destinazione.\nPoi ha guadagnato terreno: sono comparsi il pizzo per esistere (per ottenere\ncertificati di residenza e permessi di soggiorno), il pizzo sulla cittadinanza\n(per saltare il servizio militare e favorire il voto di scambio), ecc, ecc. In\nquesto caso siamo tornati alle origini, poi per cosa? Per 20.000 euro! Una\nmiseria se vediamo lo stipendio di questa signora FERRAZZANO. Una dirigente dal\n“peso” di € 120696,53,\nalmeno così è riportato nell’elenco degli stipendi percepiti dai dirigenti del\nComune di Pomezia. Per non fare i conti in tasca al “povero” geometra. Che\nschifo…al peggio non c’è mai fine\n\n \n\nRolando A. Borzetti\n\n\nFavori, doni e\nmazzette sono la norma. Un tempo l’illegalità era concentrata nel settore\nedilizio, tra licenze, piani di lottizzazione e cambiamenti di destinazione.\nPoi ha guadagnato terreno: sono comparsi il pizzo per esistere (per ottenere\ncertificati di residenza e permessi di soggiorno), il pizzo sulla cittadinanza\n(per saltare il servizio militare e favorire il voto di scambio), ecc, ecc. In\nquesto caso siamo tornati alle origini, poi per cosa? Per 20.000 euro! Una\nmiseria se vediamo lo stipendio di questa signora FERRAZZANO. Una dirigente dal\n“peso” di € 120696,53,\nalmeno così è riportato nell’elenco degli stipendi percepiti dai dirigenti del\nComune di Pomezia. Per non fare i conti in tasca al “povero” geometra. Che\nschifo…al peggio non c’è mai fine\n\n\n\n \n\n\n\nRolando A. Borzetti\n\n\n\n\n\n

  2. Maurizio

    25 Novembre 2011 - 20:33 at 20:33

    Se un sindaco fosse corretto, invece di difendere a spada tratta l’amministrazione, dovrebbe ringraziare le forze dell’ordine che abbiano trovato “cosette” da appuare, del resto il responsabile dell’operato dell’amministrazione e’ Lui!\nUn grazie di cuore, mio personale per tutte le persone dell’ordine che senza remore e senso dello Stato, quello vero, controllano le incongruita’! (C’e’ ne vorrebbero tanti come Voi!)

  3. Il_saggio

    26 Novembre 2011 - 09:58 at 09:58

    Forse mi devo ricredere, la legge e la legalita  finalmente stanno tornando in questa terra ormai  dimenticata.\nUn grazie da parte mio alle forze dell’ odine che si stanno prodigando per epurare le mele marcie.\nAdesso se il sindaco avesse un po’ di buon senso e’ il caso che si dimettesse per evitare di portare allo sfacielo l’ esistenza del Comune stesso con l’appoggio di questi “personaggi”.\nInoltre mi auguro che tali “personaggi” abbiano il coraggio di vuotare il sacco per benino per potere sradicare tutta l’organizzazione malavitosa (costruttori, dipendenti comunali, funzionari…ecc ecc)

    • jessica

      26 Novembre 2011 - 16:23 at 16:23

      era  ora  che  lo  stato  si  facesse   sentire. ancora  esiste  chi  ci  crede.  avete  tutto  il  mio  rispetto  e   ammirazione.    avanti.

      • anna

        28 Novembre 2011 - 09:12 at 09:12

        evviva la  guardia  di  finanza, forza, i  cittadini onesti  vi  ammirano.

  4. Valentino Valentini

    26 Novembre 2011 - 10:50 at 10:50

    Culpa in vigilando!!! E di Pascone cosa dicono il Sindaco e il suo vice?

    • mimmo

      4 Dicembre 2011 - 11:37 at 11:37

      uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu  non  sapevo che  avesse  qualche  avviso.

  5. SCIORTINO DOM

    26 Novembre 2011 - 18:24 at 18:24

    ERA ORA! CI STUPIAMO SEMPRE DOPO… NON C’E’ UNA RESPONSABILITA’ IN VIGILANDO DEL SINDACO?

    • Maurizio

      27 Novembre 2011 - 14:36 at 14:36

      Ora comunque non assaltiamo il sindaco, del resto e’ stato eletto e anche recentemente. Compito di questi blog e’ anche di creare dubbi anche al sindaco, che come uomo potrebbe anche valutare il colpo e intelligentemente reagire positivamente.\nDel resto specialmente gli sbagli o le idee sbagliate correggono, aprono gli occhi e migliorano noi stessi!

  6. Cesare

    27 Novembre 2011 - 20:25 at 20:25

    su queste cose io sarei drastico..\nsequestro dei patrimoni personali, a scopo beneficenza e ricerca, sbatterli in galera e buttare via la chiave.\nVediamo poi chi ha il coraggio di prendere le mazzette, e poi sta gente guadagna un sacco di soldi alla faccia di chi si e no arriva a fine mese..\nE poi i politici che dicono? attendiamo fiduciosi l’evolversi della magistratura.. ah si e poi? non pensiamo al licenziamento in tronco?\nV E R G O G N A

  7. paolo

    4 Dicembre 2011 - 11:35 at 11:35

    intanto  aresti  del gip  confermati.

  8. Anonimo

    4 Dicembre 2011 - 21:30 at 21:30

    Giustissimo.  Chi sbaglia paga. Ma vorrei, se possibile, curare la causa, oltre che l’effetto. In un paese dove 25 delinquenti definitivi formulano leggi parlamentari, i parametri sono tutti sballati. Ognuno guarda l’operato dell’altro e dunque spesso non si tirano indietro di fronte a facili guadagni. Per il futuro, come cercare di mettere un freno per “invogliare” a seguire la retta via, altre che inasprire le pene? In Italia, ad esempio, non è stata ratificata la legge europea del ’99 sulla corruzione, che ci costa 60 miliardi di euro l’anno. \n\nPoi a livello locale, a Pomezia,  i dirigenti operano con poca trasparenza.  E mi riferisco  al fatto che non pubblicano nell’Albo le determine (men che meno sul sito del Comune), cioè i provvedimenti attraverso i quali i dirigenti pongono in essere l’attività di gestione finanziaria. La pubblicazione , obbligatoria, già permetterebbe al cittadino di capire come i dirigenti spendono i nostri soldi . Ma non lo fanno . Chissà perchè.Altra cosa. A mio avviso i dirigenti dovrebbero pubblicare il loro stato patrimoniale esattamente come gli assessori e i consiglieri. Dovrebbe essere scritto nello Statuto. Proprietà (anche familiari), partecipazioni societarie, etc. potrebbero essere un valido aiuto a capire se un dirigente ha un conflitto di interessi nel suo operato. Ma difficilmente lo faranno. Sapete perchè? Sono mesi che stiamo chiedendo a consiglieri ed assessori di pubblicare il loro stato patrimoniale, obbligatorio secondo lo Statuto. Ma non lo fanno, a parte qualcuno (uno di sicuro). E se non lo fanno coloro che sono stati eletti, pensate lo faranno mai i dirigenti?La verità e che queste persone prendono il loro posto e non lo mollano più. E nessuno chiede conto del loro operato. Dei risultati che producono.Allora dobbiamo essere noi cittadini a chiedere conto. Dobbiamo iniziare a mettergli il fiato sul collo. Ognuno di noi.I dirigenti che operano bene e non hanno nulla da nascondere non possono che trarne beneficio dalla trasparenza. Mostrando tutta la buona fede e l’impegno che mettono giornalmente, i cittadini non potranno che apprezzare.Per gli altri dovranno iniziare giorni più difficili.  

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy