Home News Cronaca AUTOSTRADA ROMA-LATINA, CRESCE LA PROTESTA

AUTOSTRADA ROMA-LATINA, CRESCE LA PROTESTA

roma latina

Autostrada Roma-Latina, sono sempre di più i cittadini che non la vogliono. Gli esponenti del movimento No-corridoio l’hanno definita devastante, inutile e costosa e per dettagliare i tre aggettivi hanno convocato un’assemblea pubblica. “Si tratta di un’opera – hanno spiegato gli organizzatori – devastante: immaginate un borgo rurale come quello di Santa Procula a Pomezia attraversato da un’autostrada a otto corsie. Una zona che tra l’altro non ha mai perso la propria vocazione agricola e la sta riscoprendo e valorizzando proprio in concomitanza con la dismissione della zona industriale di Pomezia. E’ poi inutile: l’autostrada non sarà di nessun beneficio per i pendolari perché chi deve andare a Roma si troverà imbottigliato nel traffico all’uscita casello di Castel Romano a meno che non si debba andare verso Civitavecchia. Una metropolitana di superficie, il potenziamento della Roma Nettuno e dei mezzi pubblici in generale sarebbero una saggia alternativa al trasporto privato delle automobili, considerato anche il prezzo della benzina. E’ poi incontestabilmente costosa: è stato calcolato un costo di 30 milioni a chilometro”. L’intenzione del movimento No-Corridoio è quella di trovare il modo di fermare questa “Grande opera inutile”, considerata uno spreco soprattutto nella prospettiva del percorso virtuoso che l’Italia deve seguire in questo periodo di tagli e di sacrifici per i cittadini, dove gli sprechi  non possono più essere tollerati. “Abbiamo quindi organizzato un’assemblea pubblica, che si svolgerà lunedì 23 aprile alle ore 17,30 in Largo Nicolò Cannella (Spinaceto),  durante la quale forze politiche, esponenti di associazioni ambientaliste, rappresentanti dei cittadini si incontrano per discuterne”. Parteciperanno all’assemblea Gualtiero Alunni, portavoce del movimento No-corridoio, Stefano Pedica, Senatore Italia dei Valori, Ebe Giacometti, consigliere nazionale Italia Nostra; Riccardo Agostini, Direzione regionale Pd, Nando Bonessio, presidente regionale dei Verdi Lazio, Ivano Peduzzi, consigliere regionale Federazione della sinistra, Gemma Azuni, consigliere SEL Roma capitale, Diego Sabatinelli, consigliere regionale Lista Bonino-Pannella, Lorenzo Parlati, presidente Legambiente Lazio.