Emergenza abitativa a Roma, possibile danno erariale per il progetto di via Flauto

Pubblicato il
Chi lavora presso il Campidoglio guadagna meno rispetto alle altre amministrazioni. Dunque è esodo di dipendenti comunali a Roma.

ROMA – Il capogruppo della Lega in Campidoglio, Fabrizio Santori, ha sollevato preoccupazioni riguardo al progetto urbanistico in via del Flauto, concepito per affrontare l’emergenza abitativa a Roma. In una nota, Santori ha dichiarato che “progetti come questo, nati per risolvere il problema della casa per centinaia di famiglie, sono fermi da anni”, e invece di vedere la realizzazione di nuove case popolari, “si assiste a una limitata quantità di appartamenti destinati a questo scopo, forse solo una trentina”. Ha criticato il Sindaco Gualtieri e gli assessori Veloccia e Zevi per la “mancanza di chiarezza e trasparenza” riguardo allo stato del progetto e al numero effettivo di alloggi destinati all’emergenza abitativa.

Santori interroga il Campidoglio sul progetto di via Flauto a Roma

Santori ha presentato un’interrogazione al Sindaco e agli Assessori competenti, chiedendo spiegazioni sulle modifiche apportate al progetto in via del Flauto. Ha evidenziato la mancanza di risposte alle interrogazioni e la necessità di conoscere il numero attuale di alloggi spettanti all’Amministrazione Capitolina in base al progetto in corso. Inoltre, ha sollevato dubbi sulla coerenza della pianificazione urbana, poiché sembra che siano state date priorità a destinazioni diverse, come centri commerciali e spazi di speculazione, a discapito delle necessità abitative della città.

I problemi del progetto di via Flauto

Santori ha sottolineato che non solo il progetto in via del Flauto è in una fase di stallo, ma ha anche menzionato altri cinque progetti per l’emergenza abitativa a Roma che sono bloccati. Ha annunciato l’intenzione di valutare l’ipotesi di procedere per danno erariale se non verrà fatta chiarezza su queste questioni. L’interrogazione presentata al Sindaco e agli Assessori chiede informazioni dettagliate sulla situazione del progetto urbanistico in via del Flauto, inclusi i motivi delle modifiche apportate, il numero attuale di alloggi destinati all’emergenza abitativa e lo stato degli altri progetti elencati.

Le linee del Campidoglio sull’emergenza abitativa a Roma

Inoltre, Santori ha evidenziato la recente decisione dell’Assemblea Capitolina di autorizzare l’acquisizione di 199 immobili liberi di proprietà dell’INPS per affrontare l’emergenza abitativa. Ha sollevato la domanda su come questa decisione si inserisca nel contesto della variante al progetto in via del Flauto, che sembra aver ridotto il numero di alloggi destinati all’Amministrazione Capitolina.

Il ridimensionamento del progetto di via Flauto

Infine, l’interrogazione cerca spiegazioni sulla mancata considerazione di un impianto preesistente di distribuzione di gas naturale nel progetto in via del Flauto e chiede informazioni sullo stato degli altri progetti elencati, verificando se anche per essi siano state apportate modifiche che hanno influenzato negativamente il numero di alloggi destinati all’emergenza abitativa. L’interrogazione è quindi volta a ottenere chiarezza su una serie di questioni critiche riguardanti la gestione e lo sviluppo dei progetti urbani per affrontare l’emergenza abitativa a Roma.

Impostazioni privacy