Connettiti con noi

Cronaca

EMERGENZA ABITATIVA, DE FUSCO SCRIVE AD ALEMANNO

Pubblicato

il

Dopo i primi controlli effettuati la scorsa settimana sull’immobile di Via Del Mare, di fianco all’Hotel Enea, il Sindaco di Pomezia Enrico De Fusco è passato all’azione, inviando una lettera al Dirigente del Dipartimento per le Politiche Abitative e al Sindaco di Roma Gianni Alemanno, attraverso la quale ha diffidato l’Amministrazione capitolina a proseguire con l’affidamento al Consorzio ERICHES 29 il servizio di accoglienza temporanea alloggiativa presso strutture site nel Comune di Pomezia. L’affidamento, sancito dalla determinazione dirigenziale n. 322 del 25 marzo 2011 del Dipartimento Patrimonio e Casa del Comune di Roma, vede “l’assoluta contrarietà della scrivente Amministrazione Comunale”, si legge nella lettera firmata dal Sindaco il 6 giugno. Una soluzione che “utilizzando un immobile ubicato sul territorio pometino, di fatto aumenta il peso derivante da situazioni di emergenza che il Comune di Roma dovrebbe risolvere sul proprio territorio. Tutto ciò peraltro avviene utilizzando lo strumento dell’affidamento diretto ad una società privata (Consorzio ERICHES 29 Società Cooperativa Sociale a.r.l.), il quale non appare conforme alla normativa di legge”. La diffida, spiega De Fusco, è volta alla tutela dei cittadini di Pomezia. In questi giorni è stato un continuo via vai di camion che hanno scaricato i mobili necessari per arredare i numerosi miniappartamenti che sono stati ricavati all’interno della struttura. Adesso, attraverso la diffida, l’amministrazione pometina cerca di evitare che l’emergenza abitativa che affligge Roma debba essere risolta da Pomezia e dai suoi abitanti.


6 Comments

6 Comments

  1. Torvaianica.tk

    8 Giugno 2011 - 14:55 at 14:55

    Il Sindaco di Roma… prima di scaricare i problemi sociali ai comuni limitrofi (vedi Pomezia) dovrebbe inviare “risorse finanziarie” al fine di poter incrementare i servizi sociali e sanitari del territorio di riferimento cui sicuramente faranno riferimento i nuovi arrivi!! non si può far bella figura nei confronti della propria popolazione e nel contempo “scaricare” ad altrui il problema della suddetta “accoglienza temporanea (che rimarrà definitiva tipo campi rom castel romano!) ed emergenza abitativa”. La nostra popolazione è più che quadruplicata rispetto a qualche anno fa ed i servizi attuali non sono sufficienti nemmeno per i residenti, figuriamoci per i “nuovi arrivi” con problematiche sociali di vario genere. No grazie, degli scarichi di Roma ne abbiamo piene le tasche!!

  2. Alessandro D.

    8 Giugno 2011 - 15:17 at 15:17

    Bravo sindaco non mollare! Fatti sentire!\n\nSo tutti bravi a fare ……i! ehh Alemagno?? (citazione poetica che ce sta tutta… )

  3. gianlucacocilovo

    8 Giugno 2011 - 16:22 at 16:22

    C’è un’evidenza di fondo che ci dovrebbe preoccupare come cittadini di Pomezia.Il nostro territorio è considerato dagli enti territoriali superiori di scarso valore rispetto ai Castelli Romani o alla Tiburtina,prendiamone atto e cerchiamo di reagire.Ogni volta che si devono installare su un territorio attività con forti esternalità negative di natura sociale e ambientale,si pensa sempre a Pomezia e Ardea.Apriamo gli occhi e non lasciamoci più abbindolare da presidenti di Regione o da consiglieri regionali che vengono a promettere mari e monti,fingendo spudoratamente.

  4. Valentino Valentini

    8 Giugno 2011 - 18:38 at 18:38

    Sarebbe stato meglio indagare al momento in cui venne richiesto il cambio di destinazione d’uso; comunque è inaccettabile che il paleoprotofascista scarichi i suoi problemi su una città che già ne ha molti di suo.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it