Home News Cronaca GIOVANE AGGREDITO E RAPINATO DI 25 MILA EURO: ARRESTATO UNO DEI DUE...

GIOVANE AGGREDITO E RAPINATO DI 25 MILA EURO: ARRESTATO UNO DEI DUE MALVIVENTI

Hanno aspettato la loro vittima direttamente nei pressi della sua abitazione, un villino ai 16 Pini, a Torvaianica, appostati nell’oscurità e nascosti dal verde che circonda la casa. Due malviventi, nella notte tra il 29 ed il 30 gennaio, hanno atteso con pazienza il rientro del giovane commerciante, di appena 24 anni, che gestisce una catena di negozi con sede a Pomezia, oltre che a Roma e Provincia, per poterlo derubare. Al suo arrivo, i malviventi lo hanno aggredito con calci e pugni, derubandolo degli incassi giornalieri dei suoi negozi, per un totale di circa 25.000 euro in contanti, fuggendo subito dopo a bordo di un ciclomotore. Poco dopo il 24enne è stato trovato, ancora a terra, dai suoi genitori i quali, visti i due rapinatori scappare con il motorino, hanno immediatamente telefonato al “112”. Sul posto sono intervenute alcune pattuglie dei Carabinieri del Radiomobile di Pomezia e della Stazione CC Torvaianica, che si sono messe sulle tracce dei fuggitivi, riuscendo ad individuarli dopo pochi minuti. Durante l’inseguimento, i malviventi hanno perso il controllo del ciclomotore, rovinando al suolo: in quel frangente, uno dei due, Massimiliano G. di 43 anni, originario di Ladispoli e già noto alle forze dell’ordine, è stato bloccato dai Carabinieri, mentre il complice è riuscito ad allontanarsi nelle campagne circostanti. Dai successivi accertamenti è emerso che il motorino utilizzato dai rapinatori era provento di un furto messo a segno nel 2007, motivo per cui è stato posto sotto sequestro. La vittima dell’aggressione è stata accompagnata al Policlinico di Pomezia, ove è stata dimessa con una prognosi di 21 giorni. Il ragazzo era infatti stato brutalmente malmenato a causa della resistenza opposta ai rapinatori. Il 43enne, associato al carcere di Velletri, dovrà rispondere dei reati di “Rapina aggravata in concorso e Ricettazione”.\n\nSono ora in corso le indagini finalizzate all’identificazione ed al rintraccio del complice e della refurtiva.