Home News Cronaca LA PONTINA SARA’ A PAGAMENTO

LA PONTINA SARA’ A PAGAMENTO

La notizia, attesa da tempo,  provocherà sicuramente una scia entusiasmo e di polemiche, a seconda del fronte a cui si appartiene:  via Pontina diventa un’autostrada a pagamento. Il progetto, che ormai si trascina avanti – tra una riforma ed un cambiamento – da vent’anni – si sta trasformando in realtà grazie all’atteso sblocco dei fondi ministeriali. L’annuncio arriva direttamente dal presidente della Regione Lazio Renata Polverini, che con estrema soddisfazione ha dichiarato che  “Il Cipe oggi ha dato il via libera al progetto corridoio intermodale Roma-Latina ed al collegamento Cisterna-Valmontone. Da oggi quindi l’autostrada Roma-Latina è una realtà”. L’importo complessivo dell’opera è di 2 miliardi e 728 milioni di euro e sarà realizzata in partnership pubblico-privato, con un contributo pubblico che non potrà superare 40% dei costi. 711 milioni sono già inseriti nel piano programmatico per le infrastrutture 2011-2013 del Governo. “Il Cipe – ha spiegato la Presidente della Regione Lazio – ha sbloccato i primi 468 milioni di euro con l’approvazione del progetto definitivo dell’opera”, la quale prevede che la nuova autostrada sia a pedaggio. I pendolari dovranno quindi mettere mano al portafogli. Il primo intervento, il cui contributo è stato già stanziato, riguarderà la tratta Roma Tor dè Cenci-Latina Borgo Piave, e verrà terminato entro 6 anni. Pietro Ciucci, presidente dell’Anas, ha spiegato che “la prima parte del percorso attuativo sarà la pubblicazione del bando di gara per la concessione che avverrà nei prossimi 15 giorni, dando il via alla procedura per l’affidamento e l’avvio immediato dei lavori”. Si calcola quindi che l’aggiudicazione dei lavori sarà effettuata la prima metà del 2011.\n\n“La notizia è di quelle importanti – ha commentato il consigliere provinciale del PDL Romeo De Angelis – il governo del fare guidato da Berlusconi dimostra ancora una volta attenzione ai problemi reali dei cittadini. La Giunta Polverini, dopo aver approvato il porto di Anzio e tutta una serie di azioni fondamentali sul litorale, riesce a mettere in campo anche questa iniziativa che collegherà il sud del Lazio con Roma e con l’aeroporto di Fiumicino. Quest’opera significa intanto una riduzione del tributo di incidenti e di vite umane pagato ogni anno sulla strada più pericolosa d’Italia che è la Pontina; significa anche un nuovo sbocco turistico e infrastrutturale per dei territori che, anche se divisi da Roma da pochi chilometri, a causa del traffico intenso e di vie di collegamento malridotte e pericolose obbligano i cittadini del litorale a trascorrere ore in automobile per raggiungere la Capitale. Questa notizia conferma ancora di più il disinteresse che ha avuto il centrosinistra nei confronti del territorio della Provincia di Roma e delle grandi opere di cui necessita”.\n\nSoddisfatto anche il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che ha sottolineato l’importanza dell’opera sia per l’economia della Regione, sia per gli effetti benefici sul traffico stradale.  “Si tratta di una svolta fondamentale per la viabilità, capace di rimettere in moto una parte determinante dell’economia di Roma e del Lazio. I miei complimenti vanno al presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, e a quello di Anas, Pietro Ciucci, per il grande lavoro svolto per arrivare a questo risultato”.  Adesso attendiamo i commenti dei politici locali, di Pomezia ed Ardea, molti dei quali, nel recente passato, avevano criticato l’idea della Superpontina, sostenendo che tale opera non solo non andrebbe a ridurre i problemi di traffico nel territorio di appartenenza, ma – oltre al costo per gli automobilisti – creerebbe una sorta di imbuto all’altezza di Spinaceto che andrebbe ad aggravare ancora di più una situazione già disastrata.