Connettiti con noi

Aprilia News

Nuovi arresti Mafia Capitale, ai domiciliari anche un 22enne di Aprilia. In carcere l’ex minisindaco di Ostia

Pubblicato

il

Politica sconvolta dal secondo filone di Mafia Capitale: all’alba di giovedì la procura di Roma e i carabinieri del Ros hanno portato avanti una nuova maxi-retata con 44 arresti (19 in carcere e 25 ai domiciliari) e altri 21 indagati a piede libero. Nel mirino dell’inchiesta sul «Mondo di mezzo» è sempre il gruppo di Massimo Carminati, l’ex terrorista dei Nar in carcere dallo scorso dicembre a capo dell’organizzazione mafiosa che gestiva il business dei campi di accoglienza per migranti grazie a lunghe ramificazioni politiche sgominata con i 37 arresti dello scorso 2 dicembre.

Tra i 44 arrestati figurano molti nomi eccellenti: l’ex presidente del Consiglio comunale di Roma, Mirko Coratti (Pd), e il capogruppo di Forza Italia alla Regione Lazio, Luca Gramazio.

In carcere anche il presidente della commissione Patrimonio, Pierpaolo Pedetti, i consiglieri capitolini Massimo Caprari (Centro democratico) e Daniele Ozzimo (ex assessore alla Casa e consigliere del Pd, dimessosi proprio dopo l’avvio delle indagini) e l’ex capo dipartimento delle Politiche sociali del Comune Angelo Scozzafava.

Ai domiciliari, invece, Giordano Tredicine (vicepresidente del consiglio comunale e vicecoordinatore di Forza Italia per il Lazio); l’ex presidente del X Municipio (Ostia), Andrea Tassone; Fabio Stefoni, il sindaco di Castelnuovo di Porto, Comune dell’hinterland dove ha sede un Cara (Centro di accoglienza per i richiedenti asilo). Ai domiciliari anche dirigenti e funzionari: Guido Magrini, responsabile del dipartimento Politiche sociali della Regione Lazio, e Mario Cola, dipendente del dipartimento Patrimonio del Campidoglio. In carcere Franco Figurelli, che lavorava nella segreteria di Coratti. Infine ai domiciliari è finito anche il noto costruttore romano D. P.

Interventi tuttora in corso nelle province di Roma, Rieti, Frosinone, L’Aquila, Catania e Enna. Coinvolta anche la provincia di Latina.

Sotto accusa anche gli appalti per la gestione dei flussi migratori. Una delle 44 misure cautelari, richieste dalla Dda di Roma e disposte dal gip Flavia Costantini, è stata eseguita ad Aprilia.

Ai domiciliari l’apriliano Marco Bruera, 22 anni, collaboratore di Luca Odevaine, ex capo di gabinetto di Veltroni. Bruera, insieme allo stesso Odevaine e ad altri, è accusato di corruzione nell’ambito della gestione dei migranti. Secondo gli inquirenti, Luca Odevaine, nella qualità di appartenente al tavolo di coordinamento nazionale sull’accoglienza per i richiedenti e titolari di protezione internazionale e di presidente della commissione aggiudicatrice della gara per i servizi relativi del centro di Mineo (provincia di Catania), avrebbe favorito, in cambio di mazzette le coop del gruppo La Cascina. A quanto pare, l’apriliano avrebbe partecipato agli illeciti nella qualità di collaboratore di Odevaine. Sembra che a consegnare le mazzette pagate dagli imprenditori a Odevaine sarebbe stato proprio il 22enne, incaricato della predisposizione della documentazione fittizia finalizzata a giustificare l’ingresso delle somme nelle casse delle fondazioni e delle società riferibili all’ex capo di gabinetto. Una serie di operazioni iniziate nel 2011 e andate avanti fino allo scorso anno.


Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it