Home News Cronaca Pomezia: trasformazione del diritto di superficie per le aree P.E.E.P., prolungati i...

Pomezia: trasformazione del diritto di superficie per le aree P.E.E.P., prolungati i termini di presentazione delle domande

Con una delibera di questa mattina, il Sindaco e la Giunta hanno prolungato i termini di presentazione delle istanze per poter usufruire delle agevolazioni introdotte dalla delibera n. 231 del 4 dicembre 2014 sulla trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà degli immobili di edilizia economica e popolare dei piani di zona 167 (Piano di zona G H, adottato con Delibera del C.C. n. 94 del 13.02.76; Piano di zona A, adottato con Delibera del C.C. n. 50 del 20.04.70; Piano di zona D, adottato con Delibera del C.C. n. 439 del 12.04.95).

In particolare:

– riduzione del 50% per coloro che presentano la domanda entro il 30/6/2015 e che provvedono al pagamento della prima rata entro il 30/9/2015;

– riduzione del 40% per coloro che presentano la domanda entro il 30/09/2015 e che provvedono al pagamento della prima rata entro il 31/12/2015;

– riduzione del 30% per coloro che presentano la domanda entro il 31/12/2015 e che provvedono al pagamento della prima rata entro il 31/3/2016.

Inalterate le modalità di pagamento del corrispettivo per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprietà, che avverrà solo a seguito del pagamento delle somme dovute, complessivamente versate:

– in un’unica soluzione per la totalità dell’importo;

– mediante versamento del 50% dell’importo complessivo all’accettazione del corrispettivo e il restante 50% rateizzato, per un periodo di 24 mesi fino alla somma di 15.000 euro; 36 mesi fino alla somma di 30.000 euro.

“Prolunghiamo ancora i termini per la presentazione delle domande – spiega l’Assessore Veronica Filippone – per rispondere alle numerose richieste manifestate in questi mesi dai cittadini e per permettere a chi è intenzionato a trasformare il diritto di superficie in diritto di proprietà di godere delle agevolazioni introdotte, dalle riduzioni alla rateizzazione”.