Connettiti con noi

Cronaca

PRESUNTA CORRUZIONE, 5 ARRESTI A POMEZIA

Pubblicato

il

Una Dirigente dell’amministrazione comunale, un suo collaboratore, due geometri ed un imprenditore edile, tutti agli arresti domiciliari. Questa la notizia che per tutta la giornata ha circolato per le strade di Pomezia, senza però ricevere nessuna conferma ufficiale da parte delle forze dell’ordine che hanno eseguito il provvedimento cautelare. Da quello che si è saputo, la Guardia di Finanza ha eseguito, su ordine del Procuratore di Velletri Travaglini, 5 arresti per presunta corruzione. La notizia è rimbalzata immediatamente in tutta la città, perché nella vicenda sono coinvolti un dirigente ed un tecnico del Comune di Pomezia, due geometri molto conosciuti nella zona ed un imprenditore di Roma.

Ma il susseguirsi di informazioni si è bloccato davanti al “no comment” delle Fiamme Gialle pometine. “Note ufficiali su quanto accaduto possono essere fornite solo dalla Magistratura”, ha dichiarato il Comandante della GdF, il Capitano Lauretti, che comunque non ha smentito l’accaduto.

Da fonti sicure, questa mattina all’alba i finanzieri hanno visitato le abitazioni pometine della Dirigente all’Urbanistica Anna Ferrazzano, il suo vice Domenico Consalvo, due tecnici che in passato hanno lavorato per il Comune di Pomezia, il geometra Chiarelli e Luciano Gatto. Contemporaneamente il blitz è stato effettuato a casa dell’imprenditore romano Roberto Luccarini. L’accusa sembra essere quella di corruzione: attraverso l’intermediazione dei due geometri, l’imprenditore avrebbe offerto una “ricompensa” alla Ferrazzano ed a Consalvo, per avere facilitazioni in merito ad un cantiere che si trova sulla via del Mare, all’altezza di via della Macchiozza. Ma qualcosa per loro è andato storto: gli investigatori, che già da tempo sospettavano un giro di tangenti, hanno a quanto pare trovato le prove per arrivare al provvedimento emanato dal Tribunale di Velletri, che prevede per tutti e cinque gli indagati gli arresti domiciliari.

Nessuna reazione da parte dei politici locali, anche perché nessuna ufficialità è giunta sulla notizia.

6 Comments

6 Comments

  1. arrabiato

    24 Novembre 2011 - 21:41 at 21:41

    storia  vecchia  e  questa.

  2. Renzo Mercanti

    25 Novembre 2011 - 01:40 at 01:40

    …..dopo tanti avvisi di garanzia!!!!, speriamo che certa gente finisca di nuocere all’economia della città!!!!

    • luca

      25 Novembre 2011 - 10:47 at 10:47

      cme  al  solito  ci  sara  un  po di fumo ,poi  vino  e  taralucci.

  3. Addarrivabaffone

    25 Novembre 2011 - 16:24 at 16:24

    Scusi Direttore, ma questo “Consalvo” sbaglio o non è la prima volta che lo beccano??\npoi passa un po di tempo e viene reintegrato in ufficio? ma allora c’è qualcosa che non torna..

  4. Roberto Vettraino

    25 Novembre 2011 - 19:25 at 19:25

    che schifo, se verrà accertata la loro colpevolezza spero proprio che facciano una bella esperienza dietro le sbarre e perchè no visto che trattasi di geometri e costruttori li vedrei bene con una cucchiara e una cofana ad aggiustare le carceri, sai che dormite che farebbero la notte…

  5. Pingback: Lottizzazione a S. Procula: ancora politici e funzionari indagati a Pomezia | MoVimento 5 Stelle Pomezia

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy