Connettiti con noi

Cronaca

SAGGESE SOTTO TORCHIO DAL GIP DI CHIAVARI. E MERCOLEDI’ TOCCA AI GIUDICI DI CATANIA

Pubblicato

il

Si sta svolgendo oggi l’interrogatorio di garanzia di Giuseppe Saggese, l’Amministratore Delegato di Tributi Italia arrestato due giorni far per aver truffato circa 400 Comuni italiani attraverso il servizio di riscossione delle tasse dei cittadini, che – invece che nelle casse comunali, finivano in gran parte nelle tasche del “furbetto di del Tigullio”, così come è stato ribattezzato dopo che la vicenda è venuta alla luce. Nel frattempo, iniziano a trapelare i primi particolari del “metodo Saggese”, che in una decina di anni era riuscito a creare una fonte di guadagno inesauribile per sé stesso ed i suoi amici. Secondo  l’ordinanza di arresto firmata dal gip di Chiavari, si trattava di un vero e proprio “meccanismo infernale” dall’architettura intricatissima che gli consentiva profitti immensi costruiti sui sacrifici della gente. “Una capacità criminale di eccezionale rilevanza”, secondo il magistrato che segue la vicenda. Ma come funzionava questo meccanismo? Saggese fondava delle società, a cui  Tributi Italia conferiva incarichi specifici dietro pagamenti faraonici. I Consigli di Amministrazione di queste particolari società vedevano sempre la presidenza, “casualmente”, degli amici di Saggese: figli di soci, la sua segretaria,  le sue guardie del corpo, le sue domestiche ed i suoi autisti. Queste società servivano per girare da Tributi Italia il denaro riscosso dai cittadini, mascherato da introito per consulenze. In pratica, per farlo andare direttamente in mano a Saggese. Dai riscontri degli inquirenti la IFE, società satellite di Tributi Italia, ha versato oltre 6 milioni di euro per finte consulenze. Ed è solo una delle tante scoperte effettuate dagli investigatori, che hanno lavorato su tutti i 400 Comuni truffati da Tributi Italia e da Saggese. Dure le parole del gip di Chiavari, Fabrizio Garofalo, che giudica il comportamento di Giuseppe Saggese – finalizzato ad un guadagno di circa un milione e mezzo di euro l’anno solo di stipendio – frutto del “disprezzo per la legge, per l’autorità e per i sacrifici di migliaia di persone che avevano pagato i tributi. La pervicacia nell’appropriazione illecita di immense somme di denaro, accompagnata da un contegno volto a nascondersi dietro organi che amministravano la società solo formalmente, sono indici di una capacità criminale di eccezionale rilevanza, di un’indole volta ossessivamente a conseguire illeciti profitti senza sopportarne la responsabilità”. Nessuna crisi di coscienza, insomma, mentre utilizzava ville, macchine di lusso, yacht, telefoni cellulari, e si permetteva pure di affittare un elicottero.

E se anche ci fosse la remota ipotesi che il Liguria il giudice dovesse commuoversi di fronte ai racconti di Saggese, l’ex AD non potrà comunque dormire sonni tranquilli: su di lui sono puntati gli occhi anche della Procura di Catania, che ha chiesto da tempo il rinvio a giudizio per peculato ai danni di 12 Comuni della provincia di Catania e che ha già fissato la prima udienza davanti al gip per il 10 ottobre.


1 Comment

1 Comment

  1. Enzo

    5 Ottobre 2012 - 15:24 at 15:24

    Quando ero bambino almeno un paio di volte al mese andavo con i miei al cinema Pucci ed a volte capitava di entrare a spettacolo già iniziato. Bene, la storia, come spesso accade, si ripete ed anche in questo articolo la fine del film è chiaramente illustrata ma a me, come a tanti altri, spero, piacerebbe sapere anche come è iniziato. Nello specifico vorrei sapere come è entrata Tributi Italia nel Comune di Pomezia? Come si è arrivati all’aggio superiore al 30%?? Chi votò a favore di quella delibera??? Quanti di quelli che votarono quella delibera siedono oggi in consiglio???? In attesa dell’inizio della proiezione auguro a tutti una buona visione..

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it