Connettiti con noi

Cronaca

Stupro: il figlio di Beppe Grillo verso il rinvio a giudizio

Pubblicato

il

Vicenda Ciro Grillo, la procura di Tempio Pausania ha dichiarato che non è stato «sesso consenziente». Dopo aver esaminato i cellulari e le testimonianze dei giovani, il procuratore Gregorio Capasso ha chiuso le indagini, durate circa 16 mesi, e chiederà il rinvio a giudizio. Tra gli interrogati c’è stata anche Parvin Tadjik, moglie di Beppe Grillo che, stando nell’appartamento a fianco, sostiene di non aver sentito nulla. 

L’accaduto

Tutto è successo il 16 luglio 2019 a Porto Cervo. La sera Ciro Grillo, figlio di Beppe, insieme a Francesco Corsiglia, Vittorio Lauria e Edoardo Capitta, avrebbero stuprato una ragazza di vent’anni. Dopo aver passato una serata in discoteca in Costa Smeralda, il Billionaire, i ragazzi sarebbero tornati nella villa del politico genovese e avrebbero abusato sessualmente della ragazza.

Tornata dalle vacanze la studentessa italo svedese avrebbe denunciato il fatto ai Carabinieri di Milano. La presunta vittima aveva dichiarato: “Ciro e i suoi amici mi hanno fatto bere per abusare di me“. I ragazzi si sono difesi sostenendo che la ragazza era consenziente durante il rapporto sessuale. Tra qualche settimana ci sarà la scelta definitiva da parte dei giudici.

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy