Home News Cronaca Dalla Germania a Roma senza mettersi in quarantena: sanzione di oltre 1.000...

Dalla Germania a Roma senza mettersi in quarantena: sanzione di oltre 1.000 euro

Prosegue l’attività di controllo della Polizia Locale di Roma Capitale per tutelare la sicurezza e la salute della collettività, con particolare attenzione a tutte le aree maggiormente frequentate e a rischio assembramenti, dalle zone della movida ai parchi e ville storiche della Capitale, dove le pattuglie stanno eseguendo una costante opera di sensibilizzazione, oltreché di monitoraggio anche con l’ausilio di droni.  Nella giornata di ieri sono oltre 13 mila le verifiche svolte dagli agenti, con accertamenti proseguiti fino a tarda notte. Una cinquantina gli illeciti rilevati.
 
Dai quartieri di Ostiense e Testaccio al Centro Storico, da Ponte Milvio a San Lorenzo, sono numerosi gli interventi della Polizia Locale durante questo fine settimana, soprattutto nella fascia serale, per contrastare i comportamenti più a rischio per la salute pubblica. Sanzioni sono scattate  a Campo de’ Fiori e nel quartiere Testaccio a causa della formazione di assembramenti davanti i locali aperti per l’asporto. In zona Ostiense, invece, personale del VIII Gruppo  “Tintoretto”, nell’ambito dei controlli congiunti con la Polizia di Stato,  ha proceduto nei confronti dei gestori di alcuni minimarket per la mancata osservanza delle norme relative alla sicurezza alimentare. Oltre alle sanzioni previste, numerosi i prodotti posti sotto sequestro perché privi della regolare etichettatura:  circa 25 chili di carne e diverse decine di confezioni di salse, conserve alimentari e  spezie. 
Nel corso delle verifiche nelle vie del Centro Storico, ieri pomeriggio, una pattuglia del I Gruppo “ex Trevi” ha fermato un autoveicolo con a bordo due persone provenienti dalla Germania, che stavano circolando senza validi motivi e in violazione all’obbligo di quarantena, prevista per chi entra in Italia. A seguito di  accertamenti è emerso che la coppia, intenta a raggiungere Fontana di Trevi,  aveva omesso di dare la dovuta comunicazione agli organi sanitari dell’avvenuto ingresso nel paese, non ottemperando alla conseguente misura precauzionale dell’isolamento di 14 giorni. Oltre ad una sanzione di più di mille euro ciascuno, nei loro confronti è stata avviata, tramite i competenti uffici Asl di zona,  la procedura di sorveglianza sanitaria prevista.
 
Circa 5mila sono i controlli già eseguiti questa mattina, anche con ausilio di droni, utilizzati nei parchi capitolini in collaborazione con il Raggruppamento Emergenza Roma 9 della Protezione Civile. L’attività di vigilanza è tuttora in corso.