Home News Cronaca Elezioni Regionali Lazio 2018, scoppia la guerra sui sondaggi tra PD e...

Elezioni Regionali Lazio 2018, scoppia la guerra sui sondaggi tra PD e M5S

CONDIVIDI

Si apre la guerra dei sondaggi in vista delle prossime elezioni regionali nel Lazio. Nicola Zingaretti, governatore uscente, è convinto di essere in vantaggio nonostante “nessun presidente del Lazio sia mai stato rieletto“. Dal lato opposto, arriva l’attacco dela candidata pentastellata Roberta Lombardi, che parla di “sondaggi – depistaggi“: “il MoVimento 5 Stelle è davanti a tutti”.

LOMBARDI: SONDAGGI DICONO M5S AVANTI, MANDIAMO A CASA IL PD

Per Lombardi “i sondaggi (quelli veri, non i depistaggi di questi giorni) ci danno ragione. Oggi viene pubblicata la prima indagine demoscopica dell’Istituto Piepoli sul Lazio, con un’analisi approfondita sui 4 candidati. E il MoVimento 5 Stelle è davanti a tutti“.

Non solo: secondo i dati in possesso dei pentastellati “anche nelle simulazioni ‘candidato contro candidato’, che si guardi a destra o a sinistra, siamo sopra“.

“Come sapete- conclude- non è nostra consuetudine ragionare in termini numerici, ma questa è la conferma che stiamo lavorando bene, che le nostre proposte sulla sanità pubblica, sulle liste di attesa, sul quoziente familiare e sugli sgravi fiscali alle pmi vengono ascoltate. Per noi è un punto d’orgoglio”.

COMITATO ZINGARETTI: PER SONDAGGIO ‘PIAZZA PULITA’ +7% SU LOMBARDI

Pronta la risposta del Comitato Zingaretti che, in una nota, scrive che “i primi sondaggi sulle regionali nel Lazio premiano l’esperienza di governo di Nicola Zingaretti alla guida della Regione Lazio e indicano che c’è una solida base per la sua riconferma”.

Secondo i dati a disposizione dei dem, infatti, “dopo il sondaggio di Winpoll, che pochi giorni fa dava Zingaretti ampiamente in testa al 37,6%, con Roberta Lombardi al 29,3% e Maurizio Gasparri al 21,5%, un’ulteriore conferma è arrivata ieri dalla trasmissione televisiva Piazzapulita: il sondaggio di Index Research sulle elezioni regionali del Lazio conferma infatti Zingaretti in testa con un buon margine di vantaggio sugli altri candidati“.

Stando a questa rilevazione “a Zingaretti va il 36% delle preferenze; distanziata a 7 punti Roberta Lombardi, al 29%; mentre Maurizio Gasparri viene stimato al 22%, distante 14 punti. Neanche la somma dei voti dei due candidati attualmente in campo per il centrodestra raggiungerebbe la percentuale di Zingaretti, dal momento che Sergio Pirozzi è fermo al 10%”.

Per i dem è “positivo anche il sondaggio dell’Istituto Piepoli diffuso oggi sul quotidiano La Stampa, che dà un testa a testa tra Zingaretti e la candidata M5S persino in una simulazione di ballottaggio, dove i M5S sono storicamente più forti, ma che – occorre ricordare – non esiste nelle elezioni regionali, in cui si vota con turno unico”.

M5S: DOPO SONDAGGIO PIEPOLI IL PD E’ NEL PANICO

“Dopo il sondaggio di Piepoli, Pd nel panico”, replica il Movimento 5 Stelle del Lazio in una nota.

“Sono nel panico assoluto – continua la nota- tanto da mettersi a scrivere una nota stampa. Si sentono tremare la terra sotto ai piedi. Non sia mai che finiscano per perdere la poltrona in Regione… Ma vogliamo tranquillizzarli: state sereni, è un solo sondaggio, take it easy!”.

Fonte: agenzia di stampa dire (www.dire.it)