Home News Cronaca Emergenza Coronavirus: ‘blindato e isolato’ un altro Comune nel Lazio

Emergenza Coronavirus: ‘blindato e isolato’ un altro Comune nel Lazio

Dopo i casi positivi riconducibili alla Casa di Riposo Santissima Maria Immacolata di Nerola, dove su 40 operatori sanitari 16 sono stati contagiati e delle 63 persone presenti all’interno della struttura 56 sono risultate positive al test, e di queste 26 risultano residenti nel comune per un’incidenza pari al 13,3 per mille abitanti, si è deciso di adottare ulteriori misure per il contenimento del Coronavirus nel Comune di Nerola

Viste queste condizioni, infatti, oltre alle misure adottate di completo svuotamento della Casa di Riposo, è stato deciso, una volta sentito il Prefetto e il Sindaco e per le vie brevi il Comitato tecnico scientifico del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, di ordinare con decorrenza immediata e sino all’8 aprile misure ancora più stringenti.

Ecco la nuova ordinanza per il Comune di Nerola

L’ordinanza prevede: 

  • divieto di allontanamento dal territorio del Comune di Nerola da parte di tutte le persone ivi presenti;
  • divieto di accesso nel Comune di Nerola, salvo che per assicurare attività e servizi consentiti dalla presente ordinanza e fatta eccezione per il rientro al domicilio o alla residenza di coloro che fossero, per motivi consentiti, fuori dal Comune;
  • sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità;
  • il divieto di spostamento delle persone fisiche, previsto dall’art 1 comma 1 lett. a) del DPCM dell’8 marzo 2020 e dalla presente ordinanza, può essere esentato dal Sindaco del Comune esclusivamente per il personale impiegato nelle strutture e nei servizi esclusi dalla sospensione di cui alla presente ordinanza;
  • sospensione dello svolgimento delle attività lavorative per i lavoratori residenti o domiciliati anche di fatto, nel Comune di Nerola, anche ove le stesse attività si svolgano fuori dal territorio comunale;
  • soppressione delle attività lavorative per le imprese ad esclusione di quelle che erogano servizi essenziali o di pubblica utilità, ivi compresa l’attività veterinaria, nonché di quelle che possono essere svolte in modalità domiciliare ovvero in modalità a distanza, nonché ad esclusione delle attività necessarie a garantire l’allevamento degli animali, le attività non differibili in quanto connesse al ciclo biologico di piante e animali;
  •  La soppressione di tutte le attività commerciali ad esclusione dei negozi di generi alimentari, farmacie e parafarmacie, distributori di carburante, servizi di rifornimento di bancomat e postamat, servizi di trasporto connessi alla raccolta e smaltimento dei rifiuti o consegna a domicilio di farmaci;
  • sono soppressi tutti i cantieri di lavoro, chiusi i parchi pubblici, orti comunali, aree sportive a libero accesso;
  • Il passaggio in ingresso e uscita dal comune di Nerola è consentito al personale militare, di protezione civile, delle forze di Polizia dei Vigili del Fuoco, del personale medico e sanitario e dei farmacisti e veterinari;
  • Sono soppresse tutte le fermate dei mezzi pubblici, ivi compreso del trasporto ferroviario;
  • chiusura al pubblico dei cimiteri comunali.