Home News Cronaca Giardino di Roma, Fratelli d’Italia ascolta i problemi del quartiere: importante confronto...

Giardino di Roma, Fratelli d’Italia ascolta i problemi del quartiere: importante confronto con i cittadini e le associazioni locali

Giornata di grande programmazione politica ieri a Giardino di Roma, dove in questo quartiere del X Municipio di Roma Capitale i dirigenti locali di Fratelli d’Italia hanno organizzato un incontro con la cittadinanza e le associazioni del posto.

Gli esponenti del partito di Giorgia Meloni hanno fatto il punto sulla realtà del quartiere in un evento organizzato al Bombonera Caffè, dove i militanti del partito hanno potuto confrontarsi con i residenti sui numerosi disagi che da tantissimo tempo sono presenti in questo quadrante del X Municipio.

L’incontro organizzato dal dirigente di Fratelli d’Italia Giancarlo Laino, ha visto anche la presenza dei consiglieri municipali Pietro Malara (capogruppo di FDI nell’Assemblea del X Municipio di Roma Capitale) e Mariacristina Masi: soprattutto a loro i cittadini hanno chiesto delucidazioni su certi disagi presenti nel quartiere, attivandoli per cercare di risolverli quanto prima.

Gli esponenti locali del partito meloniano hanno incontrato i residenti locali, che da subito hanno evidenziato i problemi con la mobilità pubblica. Da incubo i racconti riguardo gli spostamenti con la linea 013 di Roma TPL, che dovrebbe collegare regolarmente il quartieri di Giardino di Roma, Casal Bernocchi ed Acilia: la dura realtà dei fatti è vedere come questa questo autobus può arrivare a passare anche ogni ora/ora e mezza, isolando completamente questo quartiere e tutti quei cittadini che non hanno un mezzo di trasporto da guidare. Un disastro considerato come questo quartiere veda la presenza di scuole e tanti ragazzi o insegnanti che frequentano e lavorano presso le strutture scolastiche di Casal Bernocchi e Acilia, costretti così – in prospettiva di settembre – ad arrivare in ritardo per quest’immenso limite del trasporto pubblico locale. 

Altro tema tirato fuori e molto sentito è quello della famosa stazione ferroviaria di Giardino di Roma, che dovrebbe inserirsi in un’ipotetica nuova fermata della linea Roma-Lido. Da anni i residenti la desiderano per facilitare il collegamento del quartiere con Ostia e soprattutto Roma, considerato come in nella sola Malafede vivano oltre 17mila persone e tra queste compaiono numerosi studenti universitari o lavoratori che necessitano di una migliore mobilità pubblica per recarsi nelle proprie sedi di lavoro e studio. Una tematica sentitissima specialmente per la mancanza di collegamento con il vicino quartiere di Vitinia, che ancora attualmente si vede forzatamente separato e senza strade asfaltate che possano unire questi due imponenti quadranti romani

Particolare preoccupazione desta anche la situazione legata alla condizione del manto stradale locale: nonostante fosse passato un bando dell’Amministrazione pentastellata per il rifacimento di via di Malafede, ancora nessun intervento di manutenzione si è visto nonostante la pericolosità di questa tratta cittadina. In questa strada – dove risiede anche il camping Fabolous Village – sono ben visibili pericolose buche e forti dissesti del manto stradale, che rendono difficile la circolazione locale e offre oltretutto una scarsa sicurezza stradale su questo tratto cittadino. 

Altro punto focale anche quello legato alla raccolta dei rifiuti locale, che nonostante sia differenziata vede ancor oggi uno scarso passaggio delle camionette AMA per ritirare i vari scarti. Una situazione che ancora genera interesse e rabbia nei cittadini o nelle associazioni locali, nonostante queste realtà abbiano sottolineato e denunciato in più contesti istituzionali il cattivo andamento della raccolta rifiuti in questi quadranti romani. L’esempio lampante lo si trova con la raccolta della carta, che in tanti condomini locali è prodotta in maniera molto forte e dove AMA passa solo una volta a settimana per la raccoglierla: nonostante i cittadini abbiano richiesto alla municipalizzata romana un passaggio in più durante la settimana, la società del Comune di Roma si è sempre fatta trovare assente in un serio confronto sull’argomento